Enasarco, nuovi accordi su mutui e aiuti per gli inquilini

Pubblicato il 7 Febbraio 2012 15:38 | Ultimo aggiornamento: 7 Febbraio 2012 16:01

ROMA, 7 FEB – ''Il Piano di dismissioni degli immobili della Fondazione Enasarco procede regolarmente e con percentuali di adesione molto elevate''. Lo rende noto la Fondazione in un comunicato, spiegando che con BNL e gli altri istituti di credito ''sono stati raggiunti nuovi accordi di durata semestrale e rinnovabili'', mantenendo ''tutte le condizioni favorevoli precedenti: mutui che coprono l'intero prezzo di vendita con l'aggiunta delle spese d'acquisto, durata fino a 40 anni, flessibilita' nelle modalita' di rimborso, erogazione del prestito entro 10 giorni lavorativi''.

Inoltre, sottolinea la Fondazione, ''sono stati adeguati all'inflazione i limiti di reddito utili per usufruire delle tutele previste per chi non puo' comprare, rinnovo di 5+3 o 5+4 anni del contratto di locazione a canone concordato, per il periodo che va dal 2008 fino ad oggi''. Ad esempio, ''la soglia di 30 mila euro annui prevista per i nuclei familiari composti da una sola persona e' stata elevata a 32.500 euro, mentre per i nuclei familiari costituiti da piu' di quattro componenti si arriva a 45.500 euro annui (il limite precedente era di 42 mila euro)''. Infine, ''per chi acquista quest'anno ci sara' la possibilita' di recuperare una quota pari al 25% del canone di affitto corrisposto alla Fondazione da gennaio 2012 fino al momento della firma del rogito''. Ne potranno usufruire ''i nuclei familiari che rientrano in una soglia di reddito che va dai 65mila euro annui, in caso di persone sole, ai 90 mila euro annui, per le famiglie costituite da oltre quattro componenti''. Da questa ulteriore facilitazione ''sono esclusi gli affittuari dei dieci stabili di pregio posseduti dalla Fondazione''.