E’ morto Ennio Morricone, il grande compositore aveva 91 anni: caduta fatale, si era rotto il femore

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Luglio 2020 9:50 | Ultimo aggiornamento: 6 Luglio 2020 10:16
Ennio Morricone è morto

E’ morto Ennio Morricone, aveva 91 anni (foto ANSA)

È morto questa notte, 6 luglio, in una clinica romana Ennio Morricone. Il grande musicista e compositore, autore delle colonne sonore più belle del cinema italiano e mondiale, aveva 91 anni. Qualche giorno fa si era rotto il femore.

Ad annunciare la morte di Ennio Morricone il direttore del Tg5 Clemente Mimun su Twitter. La notizia è stata poi confermata da Ansa nei minuti successivi.

Con lui se ne va un pezzo della storia della musica da film. La sua fama è esplosa grazie al sodalizio artistico con Sergio Leone, padre dei film Spaghetti Western, ed è proseguita con grandi collaborazioni: da Bertolucci a Carpenter. Morricone ha ricevuto due premi Oscar, uno nel 2007 e uno nel 2016. Quest’ultimo per la colonna sonora di The Hateful Height di Quentin Tarantino.

La storia del grande compositore

Ennio Morricone è nato a Roma il 10 novembre del 1928 e il suo nome nella storia del cinema è legato in particolare alla collaborazione con il regista Sergio Leone, per il quale compose le colonne sonore dei film “spaghetti-western” Per un pugno di dollari, Per qualche dollaro in più, Il buono, il brutto, il cattivo, C’era una volta il West, Giù la testa, e poi di C’era una volta in America, l’ultimo film della carriera di Leone.

Nella sua lunga carriera realizzò centinaia di colonne sonore, collaborando con registi italiani e stranieri. Scrisse le musiche per I giorni del cielo di Terrence Malick, Mission di Roland Joffé e The Untouchables – Gli intoccabili, di Brian De Palma.

Vinse un premio Oscar alla carriera nel 2007 e un Oscar per la miglior colonna sonora nel 2016 per The Hateful Eight, di Quentin Tarantino.

Nel 1995 riceve il Leone d’Oro alla carriera nel corso della 52ª Mostra del cinema di Venezia (primo e, finora, unico compositore ad aver ricevuto tale riconoscimento) e il premio “Rota”, istituito dalle “Edizioni CAM” e dal più importante periodico di spettacolo americano, Variety, ai quali vanno aggiunti altri, numerosissimi, premi onorari.

Il saluto della politica

“Ricorderemo sempre, con infinita riconoscenza, il genio artistico del Maestro Ennio Morricone. Ci ha fatto sognare, emozionare, riflettere, scrivendo note memorabili che rimarranno indelebili nella storia della musica e del cinema”. Lo ha scritto su Twitter il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

“Dolore per la morte di Ennio Morricone, grande musicista e compositore del nostro tempo. Le sue colonne sonore hanno segnato la storia del cinema, in Italia e nel mondo, e continueranno a emozionarci. Roma era la sua città e oggi piange la scomparsa di un artista molto amato” le parole del sindaco di Roma Virginia Raggi.

“Un giorno triste per la cultura, con Ennio Morricone ci lascia uno dei grandi maestri italiani, un musicista di raffinata bravura che con le sue melodie ha saputo emozionare e far sognare il mondo intero che lo ha ricambiato con i più importanti premi e riconoscimenti, a partire dagli Oscar per le sue leggendarie colonne sonore”. Così il ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini. “Ho avuto la fortuna di incontrarlo e non scorderò quell’energia e quella forza che era capace di trasmettere anche con il solo sguardo. Sono vicino ai familiari in questa triste giornata”.

“Addio maestro, grazie per le emozioni che ci hai regalato”. Così su Twitter il ministro della Salute, Roberto Speranza, saluta il grande compositore che ci ha lasciati.

“E’ un grande dolore. Ennio Morricone è e sarà il Maestro, genio universale che ci lascia una grande eredità artistica” ha scritto sempre su Twitter il segretario del Pd Lazio, senatore Bruno Astorre.

“Uno dei più grandi compositori di colonne sonore di film del Novecento, genio inimitabile, ci ha lasciati a 91 anni Ennio Morricone. A noi resta la sua stupenda musica, patrimonio dell’umanità, simbolo di arte e creatività” è il ricordo di Ettore Rosato, Presidente di Italia Viva. “Buon viaggio Maestro, l’orgoglio del nostro Paese.”  (fonti ANSA, AGI. Video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev)