Enrico Santoni: “Così il mio cane è stato sbranato dal pitbull dei vicini”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 settembre 2014 13:40 | Ultimo aggiornamento: 5 settembre 2014 13:40
Enrico Santoni: "Così il mio cane è stato sbranato dal pitbull dei vicini"

Tsunami, il cane aggredito a morte

GUASTICCE (LIVORNO) – Ha visto il proprio cane morirgli davanti agli occhi, sbranato dal pitbull dei vicini. Enrico Santoni ha perso così il suo Tsunami, un meticcio di nove anni di piccola taglia.

Lunedì 1° settembre era uscito per passeggiare con il proprio cane come faceva tutte le mattine. Per fortuna quel giorno il nipotino non era con lui. Arrivato in via della Colmata, poco fuori dall’abitato di Guasticce (Livorno), ha visto il pitbull dei vicini venirgli incontro, senza guinzaglio, da solo.

Enrico ha cambiato strada e ha preso il suo Tsunami in braccio. Ma non è servito a nulla, anzi, anche il pitbull ha cambiato strada e poi ha attaccato, come ha raccontato Enrico al Tirreno: 

“È stato un attimo. Il pitbull ci è saltato addosso, me lo ha strappato di mano e lo ha maciullato davanti ai miei occhi, senza che io potessi fare niente. Ho provato a picchiarlo: gli ho dato dei picchi sulla testa, poi ho provato con le pedate, ma non c’è stato modo di farlo smettere”.

Enrico ha tentato di liberarlo, ma quando ha visto che non era possibile è corso a cercare aiuto.

“Quando sono tornato indietro, erano arrivati anche i nostri vicini ai quali il figlio che vive in paese aveva affidato il cane: ci hanno detto che il pitbull era scappato dal giardino”.

La famiglia Santoni ha denunciato l’accaduto ai carabinieri all’ufficio veterinario della Asl. Bisognerà però risolvere un problema di responsabilità.

“La vera proprietaria del pittbull, hanno spiegato i proprietari di Tsunami, è in Australia, o comunque fuori dall’Italia. Ed ha affidato il cane al figlio dei nostri vicini che a sua volta aveva lasciato il cane ai genitori”.

Al momento il pitbull è tornato nel giardino dei vicini, lo stesso da cui è scappato lunedì mattina.