Equitalia, ancora minacce: pupazzi insanguinati davanti alle sedi abruzzesi

Pubblicato il 6 Gennaio 2012 13:19 | Ultimo aggiornamento: 6 Gennaio 2012 13:26

PESCARA – Striscioni e adesivi con la scritta ''Pignoriamo Equitalia'' sono apparsi questa mattina a Pescara, Chieti, Teramo e Lanciano (Chieti) sugli ingressi delle agenzie Equitalia, la Spa a totale capitale pubblico incaricata della riscossione di tributi e contributi. Li hanno affissi, nella notte dell'Epifania, militanti di Forza Nuova, come spiega in una nota il coordinatore del movimento in Abruzzo, Marco Forconi.

Sotto gli striscioni sono stati posizionati pupazzi sui quali, spiega Forconi nella nota, ''e' stato versato un colorante rosso simile al sangue, a simboleggiare i suicidi e le chiusure di attivita' industriali e commerciali che hanno ridotto sul lastrico migliaia di famiglie italiane''.

''Solo pochi mesi fa – ricorda Forconi – Forza Nuova effettuo' un'azione regionale nei confronti di Equitalia, accusandolo di istigazione al suicidio, sigillandone le entrate con nastro bianco e rosso. La situazione non era ancora esplosa in tutta la sua drammaticita'''.

Forza Nuova chiede ''l'immediata chiusura'' di Equitalia e ''il trasferimento di poteri nelle mani di amministrazioni locali. Ma, soprattutto, di applicare una moratoria di un anno nei confronti di quei piccoli debitori che hanno perso il lavoro o chiuso l'azienda e non riuscirebbero a risolvere le pendenze tributarie se non entrando nel criminale turbine dello strozzinaggio, bancario e non''.

''Forza Nuova non cessera' la sua offensiva nei confronti di Equitalia – conclude Forconi – fino a quando perdurera' questo stato di cose, erigendo barricate, nel vero senso della parola, davanti agli ingressi delle agenzie''.