Ermir, albanese finge di essere Luigi, napoletano, per evitare l’arresto. Ma viene tradito dall’accento

Pubblicato il 8 Luglio 2009 16:56 | Ultimo aggiornamento: 8 Luglio 2009 16:56

Parafrasando e storpiando Carosone, con un po’ di cinismo, si potrebbe cantare “Tu vuo’ fa’ il napoletano, ma si nato in Albanì”. È la storia di un giovane albanese che  ha mostrato ad una pattuglia di agenti del commissariato di Marcianise nel casertano, una carta identità falsa, intestata a Luigi Del Prete, napoletano di 23 anni, ma nonostante gli sforzi non è riuscito a nascondere il suo accento albanese.

In realtà si chiama Ermir Sinani, ha 28 anni ed è privo di permesso di soggiorno. A suo carico un provvedimento restrittivo del Tribunale di Benevento perché accusato di una serie di furti in appartamenti del Sannio insieme con altri complici.

Visto girare da alcuni giorni a Marcianise a bordo di una Mercedes, Sinani è stato arrestato e chiuso nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. Un giovane pregiudicato napoletano che viaggiava insieme con l’arrestato è stato denunciato per favoreggiamento.