Esame di Stato il giorno della Laurea, come a Medicina: abilitati subito se l’università fa tirocinio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Settembre 2020 12:01 | Ultimo aggiornamento: 24 Settembre 2020 12:03
Esame di Stato il giorno della Laurea

Esame di Stato, il disegno di legge per rendere abilitante la Laurea (Ansa)

E’ pronto un disegno di legge, da porre all’attenzione del Parlamento, per rendere abilitanti le lauree in cui si svolga un tirocinio professionalizzante.

In pratica, esame di laurea e esame di Stato coincideranno. Come già avviene per Medicina. Da subito l’esame abilitante per la professione si estenderà alle discipline sorelle, di “area sanitaria”.

Esame di Stato alla laurea: subito psicologi, odontoiatri, veterinari

Laureati e immediatamente abilitati al lavoro saranno presto i nuovi odontoiatri, psicologi, veterinari. In prospettiva, ma servirà la collaborazione degli Ordini professionali, la distanza tra laurea e professione sarà colmata per tutti.

Per capirci, i dottori in ingegneria sì, avvocati e altri professionisti che non ricadono direttamente sotto la giurisdizione del ministero dell’Università.

L’annuncio del provvedimento lo ha dato il ministro dell’Università Gaetano Manfredi al question time alla Camera.

“Questo ambizioso disegno di legge sarà oggetto di esame al consiglio dei ministri – ha spiegato Manfredi – ed ha richiesto notevole approfondimento tecnico”.

Nei mesi scorsi è stata resa abilitante la laurea in Medicina.

L’annuncio del ministro dell’Università Manfredi

“Il primo passo è già stato compiuto con la laurea in Medicina – ha ricordato Manfredi – divenuta laurea abilitante. Questo è avvenuto sia per dare una risposta immediata all’esigenza di fronteggiare le condizioni di criticità del Servizio sanitario nazionale in conseguenza dell’emergenza epidemiologica.

[…] Appare davvero giunto il momento di rendere abilitanti le lauree che vedono già, nel proprio ordinamento didattico, la presenza di attività di tirocinio di valore professionalizzante.

In questi casi, infatti, l’esame conclusivo del corso di studi costituisce una sede più che valida per espletare anche l’esame di Stato per l’accesso all’esercizio professionale, nel pieno rispetto della Carta costituzionale”.

Oltre alla individuazione di un elenco di lauree, nel disegno di legge – ha aggiunto il ministro – si vuole inserire anche un meccanismo innovativo.

“Il principio ispiratore del disegno di legge va individuato nell’esigenza di semplificare notevolmente le modalità di espletamento dell’esame di Stato, per consentire un accesso immediato all’esercizio delle professioni.

Neutralizzando il lasso temporale finora intercorrente tra il conseguimento della laurea e la partecipazione alla prima sessione utile per l’esame di Stato”. (fonte Ansa)