Expo 2015: i Lubitz della politica minacciano disastri peggiori del G8 di Genova

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 Marzo 2015 12:59 | Ultimo aggiornamento: 30 Marzo 2015 12:59
Expo 2015: i Lubitz della politica minacciano disastri peggiori del G8 di Genova

Expo 2015: i Lubitz della politica minacciano disastri peggiori del G8 di Genova

ROMA – Expo 2015: i Lubitz della politica minacciano disastri peggiori del G8 di Genova. Su internet viaggia un tam-tam insistente e capillare per convocare tutti gli antagonisti a Milano a maggio per contestare l’apertura dell’Expo 2015: per i servizi segreti, che monitorano la situazione, c’è il rischio che la situazione degeneri fino al punto di provocare danni dieci volte che al G8 di Genova del 2001.

Al Governo, al Ministero degli Interni si evitano allarmismi, ma il rapporto dei Servizi parla chiaro: le manifestazioni potrebbero avere una “capacità di interdizione e di danneggiamento dieci volte superiore a quella del G8 di Genova 2001“. Parliamo di un appuntamento che convoglierà sulla città 20 milioni di visitatori, accoglierà 100 capi di Stato, rappresenterà una vetrina globale per l’immagine del Paese. Residenti e commercianti sono avvisati.  mentre gli apparati di sicurezza stanno approntando misure speciali di contrasto. Fabio Martini su La Stampa misura il rischio incombente.

Per le strade di Milano si muoveranno giovani e meno giovani animati da motivazioni assai diverse. L’antagonismo nelle sue tantissime declinazioni: milanesi, nazionali, trasnazionali, comuniste, anarchiche, sindacaliste. I più indecifrabili sono quelli che arriveranno da tutta Europa, gli aderenti alle tre reti transnazionali che guidano l’antagonismo: Blockupy (nata a Francoforte contro la Banca centrale europea), D19 2-0 (nata a Bruxelles sui temi dell’austerità, della disoccupazione giovanile, della sovranità democratica); Antifa, un collettivo antifascista internazionale.

Una galassia che ha rilanciato l’eredità del movimento No global e che è in lotta contro l’austerità, la Bce, le grandi opere e le grandi manifestazioni. Come Expo. E dentro questa galassia c’è il “blocco nero” più temuto dalle polizie di tutta Europa: quello composto dai casseur francesi che lottano contro le grandi opere, dai riot tedeschi, inglesi e scandinavi, da greci del Movimento Antiautoritario. Una galassia a caccia di un rilancio: lo cercherà a Milano. (Fabio Martini, La Stampa)