‘Ndrangheta. “False perizie mediche per evitare il carcere ai boss”: 6 arresti

Pubblicato il 17 luglio 2012 8:35 | Ultimo aggiornamento: 17 luglio 2012 9:01

False perizie mediche per i boss della 'ndranghetaCATANZARO – Avrebbero rilasciato certificazioni sanitarie false a membri della ‘ndrangheta. Questa l’accusa con cui il gip, su richiesta della Dda di Catanzaro, ha rilasciato l’ordine di arresto per 6 persone di cui 4 sono medici. Gli arresti sono stati eseguiti dai carabinieri del Ros e dal Comando provinciale di Cosenza.

I sei indagati sarebbero accusati di reati di corruzione in atti giudiziari, falsa perizia, false attestazioni in atti destinati all’autorità giudiziaria, abuso d’ufficio, procurata inosservanza di pena ed istigazione alla corruzione, aggravati dalle finalità mafiose.

I medici compiacenti avrebbero, secondo gli inquirenti, rilasciato certificati attestanti false patologie incompatibili col regime detentivo. A beneficiare delle presunte false certificazioni, sarebbero stati i membri delle cosche Forastefano di Cassano Ionio, di Cosenza, ed Arena di Isola Capo Rizzuto, Crotone.