Famiglia sfrattata vive in tenda: “Pensano solo a migranti”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Settembre 2015 14:10 | Ultimo aggiornamento: 21 Settembre 2015 14:10
L'articolo del Giornale

L’articolo del Giornale

ROMA – I coniugi Russo, dallo scorso giugno, sono senza una casa. Hanno perso tutto. Anche il lavoro. E adesso si sfogano: “Il Governo si fa in quattro per cercare casa agli immigrati e noi non riusciamo a trovare un tetto sotto cui dormire”. La loro storia è raccontata da Luca Romano del Giornale.

Vivono giorno e notte in una tenda sulla spiaggia di Marina di Ginosa in provincia di Taranto. Come scrive la Gazzetta del Mezzogiorno, “quello che vede drammaticamente protagonisti i coniugi Russo (Giovanni e Francesca) e i loro due figli adolescenti di 11 e 14 anni” è “un paradosso tutto italiano”.

Giovanni ha sempre fatto lavori saltuari. A volte anche nei campi. Una vita semplice, come racconta lo stesso capofamiglia: “Abitavamo in un appartamento in affitto qui vicino. Entrambi ci davamo da fare, poi il poco lavoro e le troppe spese da sostenere. In poco tempo siamo stati risucchiati dal vortice della povertà. Qualche mese fa abbiamo ricevuto lo sfratto, accompagnati all’uscio della porta dagli assistenti sociali che ci avevano garantito aiuti. Ma nessuna promessa è stata mantenuta. Inutili gli ultimi appelli alle istituzioni: per noi non ci sono alloggi popolari. Abbiamo cercato un’altra abitazione in fitto prima dell’estate ma i prezzi erano alle stelle”.

Poi Giovanni se la prende con lo Stato italiano: “Il Governo si fa in quattro per cercare casa agli immigrati e noi non riusciamo a trovare un tetto sotto cui dormire”.

Fortunatamente, l’appello della famiglia Russo sta correndo sul web. Come racconta La Gazzetta del Mezzogiorno, “un cittadino della Basilicata, che per ora preferisce restare anonimo, contatta su Facebook un esponente della Croce Rossa di Basilicata e offre un alloggio ai due coniugi”.