Fabbriche e uffici, ecco le regole della fase 2: certificati, mascherine, spazi, orari

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Aprile 2020 12:39 | Ultimo aggiornamento: 24 Aprile 2020 12:39
Fabbriche e uffici, ecco le regole della fase 2: certificati, mascherine, spazi, orari

Fase 2, le regole negli ambienti di lavoro (Ansa)

ROMA – Sindacati e Governo hanno trovato l’intesa sul protocollo emergenziale da adottare nei luoghi di lavoro durante la fase 2.

In pratica, le regole che trasformeranno la vita nelle fabbriche e negli uffici, dalle disposizioni sanitarie agli obblighi per i datori di lavoro, dalle mascherine obbligatorie alla ridefinizione degli spazi.

In breve, di seguito, i punti salienti del “Protocollo condiviso di regolazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” sottoscritto il 14 marzo 2020 e oggi integrato, in vista della fase due, con l’intesa delle parti sociali alla presenza del governo.

Certificazione medica di “avvenuta negativizzazione” per il rientro dei lavoratori già risultati positivi al Covid-19.

Utilizzo delle mascherine chirurgiche per tutti i lavoratori che condividono spazi comuni.

Sanificazione straordinaria degli ambienti alla riapertura nelle situazioni più a rischio.

Rimodulazione degli spazi di lavoro e delle postazioni, distanziate.

Previsione di orari differenziati.

Ricorso allo smart working da “favorire” anche nella fase di riattivazione del lavoro con il supporto del datore di lavoro (assistenza nell’uso delle apparecchiature, modulazione dei tempi di lavoro e delle pause).

Tamponi e eventuali positivi

Per quanto riguarda i tamponi, si richiama alla collaborazione da parte dei datori di lavoro.

Qualora, per prevenire l’attivazione di focolai, nelle aree maggiormente colpite, l’autorità sanitaria disponga misure aggiuntive, come l’esecuzione del tampone per i lavoratori, il datore di lavoro fornirà “la massima collaborazione”.

Così come è chiamato alla collaborazione con le Autorità sanitarie per la definizione degli eventuali “contatti stretti” di una persona presente in azienda che sia stata riscontrata positiva.

Invece, l’ingresso e quindi il rientro in azienda di lavoratori già risultati positivi al Covid-19 dovrà essere preceduto da una “preventiva comunicazione” con la certificazione medica da cui risulti la “avvenuta negativizzazione”.

Particolare attenzione all’età

Viene inoltre indicata la gestione di eventuali casi di lavoratori di aziende terze ed il ruolo del medico competente.

Indicata come raccomandabile una “particolare attenzione” da parte della sorveglianza sanitaria “ai soggetti fragili anche per un fattore legato all’età” (senza alcun riferimento esplicito all’età).

Favorire uso mezzo privato o navette

Un riferimento anche alla mobilità dei lavoratori, secondo cui andrebbe favorito l’uso del mezzo privato o di navette. (fonte Ansa)