Favara, Emanuele Ferraro ucciso in agguato in strada: forse per faida Sicilia-Belgio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 marzo 2018 15:42 | Ultimo aggiornamento: 8 marzo 2018 15:42
Favara, Emanuele Ferraro ucciso in agguato in strada: forse per faida Sicilia-Belgio

Favara, Emanuele Ferraro ucciso in agguato in strada: forse per faida Sicilia-Belgio

AGRIGENTO – Agguato omicida nel pieno centro di Favara, in provincia di Agrigento. Emanuele Ferraro, 41 anni, è stato freddato con 5 colpi di pistola in via Diaz, vicino alla chiesa madre del paese. L’omicidio sarebbe legato alla faida sull’asse tra Favara e Liegi, in Belgio, dove sono coinvolti gruppi che gestiscono un traffico internazionale di stupefacente. La vittima era indagato per un tentativo di omicidio.

Emanuele Ferraro ha tentato di sfuggire ai sicari e si è riparato dietro un furgone, ma è stato raggiunto e ucciso. La faida tra la Sicilia e il Belgio è cominciata il 14 settembre 2016 con un agguato in un condominio di Liegi dove è stato ucciso Mario Jakelich, 28 anni, di Porto Empedocle (Agrigento). I killer hanno anche ferito Maurizio Di Stefano, 40 anni, di Favara.

Un mese dopo a Favara è stato ucciso Carmelo Ciffa, 42 anni, a cui è seguita il 5 maggio 2017 l’uccisione a Liegi di Carmelo Sorce, 51 anni, colpito da una raffica di Kalashnikov all’uscita dal suo ristorante. Con le stesse modalità il 23 maggio 2017 a Favara è stato colpito Carmelo Nicotra, panettiere di 35 anni, che però è sopravvissuto all’agguato. Ferraro, ucciso oggi, era indagato come uno dei presunti componenti del commando.

Ferraro, sposato e padre di figli, era appena entrato nell’abitacolo del suo Fiat Fiorino, posteggiato in via Diaz a poca distanza dalla sua abitazione, quando è stato raggiunto dai proiettili. Pare, ma è ancora troppo presto per avere la certezza, che ad agire sia stato un “commando”. Dalla via Diaz sarebbe stata vista allontanarsi, praticamente dopo il delitto, un’autovettura.

Carabinieri e agenti della Squadra Mobile stanno cercando di raccogliere testimonianze di quanti vivono o transitavano da via Diaz. L’omicidio, del resto, è avvenuto in pieno giorno. In via Diaz, poco dopo l’omicidio, è arrivato anche il procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio che coordina l’inchiesta.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other