Federico Aldrovandi, la madre: “Niente perdono senza pentimento”

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 Maggio 2014 15:01 | Ultimo aggiornamento: 3 Maggio 2014 15:01
Federico Aldrovandi: la madre non perdona

Federico Aldrovandi

FERRARA- “Io quei quattro non li perdonerò mai. Non ci può essere perdono senza pentimento. Gli eventi recenti vanno nella direzione opposta. Con quell’applauso sono stati elevati a simboli, a modelli. Questo allontana moltissimo qualsiasi possibilità”. Lo dice Patrizia Moretti, madre di Federico Aldrovandi, in un’intervista alla Nuova Ferrara dopo il viaggio romano seguito alle polemiche per gli applausi rivolti agli agenti condannati per la morte del ragazzo durante il congresso del sindacato di polizia Sap a Rimini.

“L’unico modo per me per passare oltre è che raccontino tutta la verità, ogni dettaglio, ogni minuto. Con quel comportamento quei poliziotti è come se si fossero nuovamente sporcati le mani di sangue”.

“Lo Stato – aggiunge – si è reso finalmente conto di quale è il problema che ha ucciso Federico in modo corale e ai massimi vertici. Tutti i miei interlocutori mi hanno promesso il massimo impegno per trovare una soluzione, anche se non nell’immediato. Continuo a ribadirlo: se avessero espulso quei quattro agenti dalla polizia non ci sarebbero stati fatti successivi.

A Roma ho colto l’impegno a cambiare una cultura, di intervenire sulle norme e sulle sanzioni da applicare contro i responsabili. Il capo della polizia Pansa mi ha detto che non hanno potuto espellere i responsabili in quanto il reato è stato identificato come colposo. La mia frustrazione è proprio questa: è colposo”.