Fedez contro i rider: “Mance non plus ultra dello sfruttamento del capitalismo”

di redazione Blitz
Pubblicato il 26 aprile 2019 20:14 | Ultimo aggiornamento: 26 aprile 2019 20:14
Fedez contro i rider: "Mance non plus ultra dello sfruttamento del capitalismo"

Fedez contro i rider: “Mance non plus ultra dello sfruttamento del capitalismo”

MILANO – Dopo Marracash anche Fedez risponde alle accuse dei rider, secondo i quali lui ed altri vip sarebbero molto avari in quanto a mance a chi consegna loro il cibo a domicilio. E dal suo hotel in Polinesia, dove si trova con la moglie Chiara Ferragni, liquida le mance come “parte di un retaggio americano che è il non plus ultra dello sfruttamento del capitalismo”.

In un post pubblicato su Facebook il 25 aprile i fattorini di Deliverance Milano hanno pubblicato una lista di nomi di personaggi famosi rei, secondo l’accusa, di “ordinare regolarmente con le app e non lasciare la mancia a nessun fattorino, nemmeno in caso di pioggia!”.

Su Instagram la replica di Fedez: “Mi sono appena svegliato leggendo questa fantastica notizia della lista segreta dei personaggi famosi che non lasciano le mance ai fattorini rider di Deliveroo. Al di là della totale infondatezza della notizia, che poco importa, parlano tutti di lotta di classe 2.0. Le mance fanno parte di un retaggio americano che è il non plus ultra dello sfruttamento del capitalismo. In America le mance sono obbligatorie perché il datore di lavoro ti può pagare di meno. E se tu non dai la mancia causi un danno, peccato che è il modo meno sindacalizzato e tutelato per lavorare. La tua sopravvivenza di lavoratore non può essere garantita dal cliente perché rischi di fare una vita di merda. E non capire questo e spostare l’attenzione sulle “mancette” è la cosa meno di sinistra e meno lotta di classe possibile, è stupido. E aldilà di tutto ci tengo a dire che a me le liste di proscrizione pubblica hanno sempre puzzato di fascio”. (Fonti: Instagram, Facebook)