Fermo/ Arresti domiciliari per Emilio Santarelli: faceva l’intermediario fra badanti e ospedale, ma chiedeva prestazioni sessuali

Pubblicato il 31 Luglio 2009 21:07 | Ultimo aggiornamento: 31 Luglio 2009 21:07

Reclutava badanti dell’Est ma anche italiane per l’assistenza privata ai pazienti ricoverati nell’ospedale Murri di Fermo, ma in cambio del lavoro avrebbe preteso da almeno due donne prestazioni sessuali. Con l’accusa di abusi sessuali ed estorsione, un coordinatore locale dell’associazione CittadinanzAttiva di nome Emilio Santarelli, è stato messo agli arresti domiciliari.

Secondo la procura fermana l’uomo, che ha 73 anni, sovrintendeva alla lista delle badanti che hanno accesso alla struttura sanitaria. Ma sembra che se le assistenti, che in media avevano 30 anni volevano lavorare, dovevano sottostare alle sue molestie. Ad incastrarlo proprio una badante, che lo ha incontrato munita di microfono e registratore e che, poi, ha portato tutto in Commissariato. Santarelli si è dimesso da CittadinanzAttiva per”motivi personali”: l’associazione fa sapere di essere estranea alla vicenda.

e denunce a carico dell’anziano sarebbero almeno due: sulla vicenda, la consigliera regionale del Pdl Franca Romagnoli ha presentato un’interrogazione al presidente della Regione.