Fiat Pomigliano, Fiom Napoli: “Nessuna speranza di assunzione”

Pubblicato il 1 Luglio 2012 11:41 | Ultimo aggiornamento: 1 Luglio 2012 13:46

Logo Fiat POMIGLIANO D’ARCO (NAPOLI), 1 LUG – ”La Fiat ha chiaramente affermato che se il mercato resta quello che e’ oggi non assumera’ piu’ nessuno. Quindi, non ci sono tante speranze non solo per gli iscritti Fiom, ma per tutti i lavoratori del Vico, circa duemila, ancora in cassa integrazione o nella vecchia societa’, perche’ non credo che entro luglio del 2013 ci sara’ un boom delle vendite di auto e quindi della nuova Panda”: lo ha affermato il segretario generale Fiom di Napoli, Andrea Amendola, commentando l’annuncio del ricorso da parte del Lingotto, che chiede una sospensione alla sentenza del Tribunale di Roma, con la quale 145 iscritti del sindacato metalmeccanici della Cgil devono essere assunti nella newco Fabbrica Italia Pomigliano.

Amendola, inoltre, ha annunciato che il prossimo 10 luglio Maurizio Landini sara’ a Pomigliano, e che domani, invece, ci sara’ un incontro con i legali del sindacato, per partire anche con l’azione penale nei confronti della Fiat che non ha ancora assunto nessuno dei 145 lavoratori, cosi’ come invece era disposto nella sentenza del 21 giugno divenuta immediatamente esecutiva.

”A luglio del prossimo anno scadra’ la cig per cessazione attivita’ – ha concluso Amendola – e se il mercato non cambia cosa succedera’ a tutti i lavoratori ancora fuori? Adesso, alla luce delle ultime affermazioni del Lingotto, vorrei sapere cosa hanno intenzione di fare gli altri sindacati, che a differenza nostra hanno firmato l’accordo: anche i loro iscritti resteranno fuori e senza lavoro”.