Figlia Raciti: “La maglietta ‘Speziale libero’ oltraggio a mio padre”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Maggio 2014 10:04 | Ultimo aggiornamento: 7 Maggio 2014 10:05
Figlia Raciti: "La maglietta 'Speziale libero' oltraggio a mio padre"

Genny ‘a carogna e la maglietta ‘Speziale libero’

ROMA – “Sono indignata, sotto shock. Voglio andar via dall’Italia. Ho sopportato troppo in questo Paese”. Lo afferma a Repubblica Fabiana, figlia dell’ispettore Filippo Raciti ucciso durante gli scontri del derby Catania-Palermo di sette anni fa.

“Da figlia – spiega – è terribile leggere su una maglietta il nome di chi ha ucciso tuo padre. Me lo hanno tolto quando avevo appena quindici anni. Le magliette sono l’ultimo sfregio: uno sfregio a un grande uomo, un grande padre, un grande marito. Questo è uno schiaffo morale alla mia famiglia, quelle magliette vogliono difendere un assassino e offendere chi crede nella giustizia. Non lo posso tollerare”.

“Ho pianto molto in questi giorni – continua – , si è riaperta una ferita profonda. Ho pensato anche a questo ragazzo, Ciro, alla sua famiglia, all’ennesima tragedia in nome di una partita. Perché io ho voglia di libertà, desiderio di felicità e soprattutto di sicurezza, ma tutto questo l’Italia non me lo permette più. Io non dimentico mio padre, naturalmente – conclude Fabiana Raciti -, e mai lo dimenticherò ma avevo messo da parte quelle emozioni insopportabili. L’altra sera il dolore è tornato come allora”.