Filippina strangolata a Torino: la vittima viveva in Italia da 30 anni

Pubblicato il 1 Luglio 2010 16:28 | Ultimo aggiornamento: 1 Luglio 2010 16:30

Era in Italia da trent’anni Lourdes Flores Navarro, la filippina di sessant’anni strangolata nel suo appartamento di Torino nella serata di mercoledì 30 giugno. Nubile, forniva assistenza agli anziani di una casa di cura e le testimonianze raccolte dai carabinieri la descrivono come una persona ”riservata e disponibile”.

I suoi colleghi di lavoro, che dopo non averla vista arrivare  hanno dato l’allarme alle forze dell’ordine, l’hanno vista per l’ultima volta nella serata di mercoledì 30 giugno, intorno alle 21, quando ha terminato il suo turno e ha fatto ritorno a casa. Nell’appartamento non sono ancora stati trovati i documenti della donna, ne’ un telefono cellulare. All’appello manca anche la sua adorata gattina, un piccolo animale bianco e nero senza una zampa.

Potrebbe essere fuggita quando l’assassino ha aperto la porta per andare via. Il cadavere era riverso sul letto a una sola piazza, vestita con una camicetta e una gonna, leggermente sollevata, mentre le mutandine sono state trovate per terra. Da un primo esame, il medico legale non e’ stato in grado di stabilire se prima di morire abbia avuto un rapporto sessuale. Per stabilirlo sarà necessaria l’autopsia.