Filippine, Laura Brambilla: “Sei ore di paura mentre il tifone distruggeva tutto”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Novembre 2013 10:40 | Ultimo aggiornamento: 16 Novembre 2013 10:40
Filippine, iniziata la consegna degli aiuti (LaPresse)

Filippine, iniziata la consegna degli aiuti (LaPresse)

BERGAMO – Laura Brambilla di Dalmine, in provincia di Bergamo, ripercorre per la prima volta gli ultimi giorni passati nelle Filippine. “Là è un disastro”, sono queste le prime parole che pronuncia tra le braccia del marito e dei figli, andati a prenderla all’aeroporto di Malpensa nella mattinata di venerdì 15 novembre.

Scrive L’Eco di Bergamo:

Laura e la sorella Maria Grazia, di Aicurzio nel Milanese, arrivano da Sulangan, una piccola cittadina a circa 20 minuti da Guiuan, nelle Filippine orientali, una tra le zone più colpite dal super tifone Haiyan della scorsa settimana. Stanno entrambe bene, ma se la sono vista veramente brutta. Sono partite dall’Italia alla fine di ottobre per far visita al fratello Gian Pietro, che nelle Filippine risiede da sette anni, si è costruito una famiglia e gestisce un piccolo resort sulla spiaggia.

Sono salvi perché i muri del piccolo albergo sul mar di Samar di proprietà di Gian Pietro hanno retto, ma intorno a loro si trovano solo devastazione e macerie. «Le prime avvisaglie del tifone sono arrivate alle 3 di notte circa, ma è dalle 4 che ha esploso tutta la potenza continuando per più di 6 ore, si aveva la sensazione che non dovesse finire più».

(…) «All’inizio io e Graziella eravamo nelle stanze al primo piano, avevamo passato tutto il giorno a rinforzare porte e finestre con sacchi di sabbia, ma nel momento in cui il tifone ha cominciato ad intensificarsi abbiamo preferito scendere al piano di sotto».

«Man mano che il tempo passava – prosegue – metà tetto è volato via, le stanze si sono allagate, i vetri sono andati in frantumi e la corrente è saltata, continuavamo a sentire rumori di cose rotte e ci chiedevamo se i muri avrebbero retto. Senza parte del tetto né finestre, l’acqua piovana è filtrata dappertutto e per giorni in casa non c’è più stata una cosa asciutta. Solo il santino di Papa Giovanni sulla mensola della libreria è rimasto dov’era. Qualcuno di certo ha guardato giù».