Filippo Marraro spara e uccide l’ex moglie Loredana Calì. Poi si costituisce

di redazione Blitz
Pubblicato il 1 aprile 2019 11:01 | Ultimo aggiornamento: 1 aprile 2019 12:49
Filippo Marraro spara e uccide l'ex moglie Loredana Calì. Poi si costituisce

Filippo Marraro spara e uccide l’ex moglie Loredana Calì. Poi si costituisce

ENNA – Le ha dato appuntamento per discutere della separazione, ma si è presentato con la pistola. Così Filippo Marraro, 51 anni e titolare di un autolavaggio, ha fatto fuoco e ha ucciso l’ex moglie Loredana Calì , di 40 anni. Poi si è presentato spontaneamente in caserma per costituirsi. L’ennesima tragedia si è consumata lunedì 1 aprile a Catenanuova, in provincia di Enna. 

La vittima è stata trovata morta nella campagna di proprietà della madre. E’ stato proprio l’ex marito a chiamare i carabinieri e a indicare loro il luogo dell’omicidio. Marraro aveva dato appuntamento alla ex, ma al suo arrivo ha estratto la pistola e ha sparato due colpi, uno alla testa e uno al cuore. I carabinieri hanno trovato l’uomo ad attenderli e il corpo della donna davanti l’abitazione di campagna.

La coppia aveva due figli adolescenti. Si erano sposati una quindicina di anni fa, dopo il divorzio di Marraro dalla prima moglie, dalla quale ha avuto un altro figlio. Loredana Calì la scorsa estate aveva lasciato Marraro e i due erano in fase di separazione. Pare che in passato l’uomo si fosse reso responsabile di atti di violenza nei confronti della donna, che però non l’aveva mai denunciato. 

Sulla sua pagina Facebook Carraro aveva scritto: “La vendetta un piatto freddo, più è freddo e più si gusta”. E aveva pure cambiato status: nella colonna di presentazione, si definiva “vedovo” e “disoccupato ben organizzato”.

La figlia maggiore della coppia, che ha 17 anni, è stata raggiunta dalla tragica notizia in Puglia, dove si trovava in gita scolastica. L’altro figlio tredicenne era a scuola. Marraro era da anni divorziato dalla prima moglie e il figlio ventitreenne avuto dal primo matrimonio, lavora con lui nell’autolavaggio. Non è chiaro se Marraro non accettasse la separazione o se con la vittima fossero in corso liti per il mantenimento e l’assegnazione dei beni. L’uomo che ha chiamato i carabinieri dopo avere ucciso la moglie e’ in stato di fermo che nelle prossime ore, essendo reo confesso, sarà tramutato in arresto.