Firenze, anarchici: 16 condannati, assolti da accusa terrorismo

Pubblicato il 15 Maggio 2012 17:54 | Ultimo aggiornamento: 15 Maggio 2012 19:08

FIRENZE, 15 MAG – Sedici persone che erano accusate di far parte di un gruppo ”ispirato all’ideologia anarco-insurrezionalista” e di aver compiuto a Firenze un’occupazione, danneggiamenti, e minacce contro esponenti politici locali, sono state condannate a Firenze con pene che vanno dai tre mesi a un anno e 8 mesi. Tre gli assolti.

Per tutti è caduta l’accusa di associazione sovversiva ‘con finalita’ di terrorismo e di eversione dell’ordine democratico’. Le condanne sono per occupazione e deturpamento.

Le accuse contestate dal pm Angela Pietroiusti facevano riferimento a episodi avvenuti a Firenze dal 2005 al 2008. I componenti del gruppo, chiamato ‘circolo Panico Anarchico’, oggi hanno fra i 25 e i 57 anni. Per la procura sono autori, a vario titolo, di interruzione di pubblico servizio per un’irruzione negli uffici dell’Enel, dell’occupazione di un immobile di proprieta’ del Comune e di scritte sui muri della citta’, come ”Il Pd marcia su Roma” o ”Cioni ti odia”, riferita, quest’ultima, all’allora assessore comunale Graziano Cioni soprannominato ‘Lo sceriffo’.

La procura contestava agli imputati anche il ”collegamento con altri gruppi omologhi”, come il pisano ”Circolo il Silvestre”. Le condanne piu’ pesanti sono state inflitte a Carlo Andrea Casucci, un anno e otto mesi, e Mario Andrea Genocchi, un anno e quattro mesi. Un anno e due mesi sono stati inflitti a Niccolo’ Martini, Chiara Falaschi e Sandro Carovac, questi ultimi considerati, insieme a Casucci, ”promotori, costituenti, organizzatori e dirigenti” del gruppo.

”E’ stata smentita la linea della procura”, hanno commentato i difensori, gli avvocati Sauro Poli e Massimo Lombardi, che hanno poi che in Toscana ”e’ la quarta assoluzione di gruppi anarchici dall’accusa di terrorismo” e che le precedenti erano per procedimenti legati al circolo Silvestre di Pisa e alle Cor.