Firenze, artificiere ferito da bomba: su Facebook viene insultato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 gennaio 2017 6:30 | Ultimo aggiornamento: 3 gennaio 2017 7:27
Firenze, artificiere ferito da bomba: su Facebook viene insultato

Firenze, artificiere ferito da bomba: su Facebook viene insultato (Foto Ansa)

FIRENZE – Prima è rimasto ferito nello scoppio di un ordigno il 1° gennaio a Firenze, poi è stato insultato sui social. Questo il destino di un artificiere della polizia di Stato che dopo essere rimasto ferito nell’esplosione di una bomba abbandonata in strada a Firenze davanti ad una libreria di CasaPound, si è ritrovato a dover fronteggiare gli insulti ricervuti in rete.

La Nazione scrive che il sindacato della polizia ha indentificato l’uomo che ha insultato su Facebook l’agente di polizia degli artificieri e che ora l’uomo, originario e residente a Padova, dovrà rispondere del suo gesto:

“«Abbiamo dato mandato al nostro avvocato – ha detto il segretario generale Valter Mazzetti – di procedere legalmente in ogni sede per ridare la giusta dignità umana e professionale al collega che ha portato serie lesioni permanenti». La decisione è stata presa dopo che sul profilo Fb dell’utente, del quale l’Ugl dice di conoscere l’identità, sostenendo che costui era stato candidato in passato alle elezioni comunali a Sant’Elena d’Este, sono apparsi vari post offensivi contro l’agente e la polizia”.

Il quotidiano ha poi aggiunto che in appena 1 ora sono stati oltre 420 i poliziotti solidali con l’artificiere e che hanno segnalato il post offensivo agli amministratori di Facebook:

“«Sembra assurdo e ci lascia veramente esterrefatti, oltre che profondamente indignati, – dice Mazzetti – vedere come ci siano persone così miopi o condizionate culturalmente e ideologicamente da non vedere il grande e difficile lavoro che quotidianamente svolgono le forze dell’ordine al servizio della democrazia per mantenere la convivenza sociale più sicura e rispettosa possibile. Un lavoro che, troppo spesso, purtroppo, è costato sacrifici immani, anche estremi, per i poliziotti e per i loro genitori, mogli, mariti, figli. Un lavoro complesso, il nostro, per cui la dignità umana e professionale del poliziotto, come nel caso di specie, viene brutalmente violentata da quella che considero solo una miseria dell’animo umano»”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other