Firenze, uno dei 2 carabinieri accusati dalle studentesse Usa: “Ci siamo comportati da maschietti”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 marzo 2018 8:42 | Ultimo aggiornamento: 16 marzo 2018 9:08
Firenze, parla uno dei due carabinieri accusati dalle studentesse Usa: "Ci siamo comportati da maschietti"

Firenze, uno dei 2 carabinieri accusati dalle studentesse Usa: “Ci siamo comportati da maschietti” (foto d’archivio Ansa)

FIRENZE – “Ci siamo comportati da maschietti”. Lo avrebbe affermato, riporta l’Ansa, uno dei due carabinieri – l’appuntato Marco Camuffo e il militare scelto Pietro Costa – accusati di aver violentato due studentesse Usa a Firenze il 7 settembre 2017, dopo averle accompagnate a casa con l’auto di servizio.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

Secondo l’Ansa uno dei due militari lo avrebbe detto durante l’interrogatorio dalla pm Ornella Galeotti pochi giorni dopo il fatto. Entrambi i militari hanno affermato davanti al pubblico ministero che sarebbero state le ragazze a prendere l’iniziativa, e di non essersi accorti che erano ubriache. A far partire le indagini fu la denuncia delle due studentesse, di 20 e 21 anni, che raccontarono di aver subito violenza nell’androne delle scale del palazzo dove vivevano nel centro di Firenze, da parte dei due carabinieri che si erano offerti di riportarle a casa con l’auto di servizio.

Una volta arrivati sotto la casa delle giovani, i militari, secondo quanto raccontato al momento dell’interrogatorio da uno dei due, avrebbero deciso di accompagnarle dentro al palazzo “per galanteria”, senza secondi fini. “Si è sempre fatto così, anche per una cosa di galanteria”, e per motivi di sicurezza, “perché magari le aggrediscono nel portone”. Entrambi, inoltre, avrebbero affermato di essere a conoscenza di aver violato il regolamento decidendo di farle salire sull’auto di servizio per portarle a casa: “Ci siamo consultati… eravamo titubanti” avrebbe detto uno dei militari.

La procura di Firenze ha concluso le indagini, e l’avviso di chiusura, firmato dalla pm Ornella Galeotti, è stato notificati ai legali dei due militari. Se la procura deciderà di chiedere il rinvio a giudizio, per i due carabinieri sembra ora più concreto il rischio di finire sul banco degli imputati. Costa e Camuffo, accusati di violenza sessuale aggravata, hanno la possibilità di farsi interrogare nuovamente dal pubblico ministero anche se questa per ora è solo un’ipotesi viste le dichiarazioni già rese in sede di interrogatorio e di incidente probatorio, dove i militari hanno sempre respinto le accuse accusando le ragazze di aver preso iniziativa.

Con la chiusura delle indagini i legali dei militari possono accedere all’interno fascicolo processuale, e verificare quali elementi di prova sono stati raccolti a carico dei loro assistiti. “Domani vedrò il fascicolo e solo allora decideremo se fare un altro interrogatorio o meno”, afferma l’avvocato Cristina Menichetti, difensore di Marco Camuffo. A far scattare le indagini fu la denuncia delle due studentesse. Le giovani raccontarono di aver incontrato in un locale a piazzale Michelangelo i due militari, che poi si offrirono di portarle a casa.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other