Firenze: niente sfratto per le coppie non sposate

Pubblicato il 26 maggio 2010 11:19 | Ultimo aggiornamento: 26 maggio 2010 11:19

Le coppie conviventi non andranno via dagli alloggi comunali fiorentini. Dopo la protesta effettuata ieri dal sindacato degli inquilini Sunia, il Comune tranquilla le due coppie che avevano ricevuto l’invito a lasciare la casa perché non si erano sposate.

Da Palazzo Vecchio, precisano che il bando pubblicato nel 2006 non accenna in nessun passaggio al matrimonio. Di conseguenza non ha fondamento alcuno quanto sostenuto dagli uffici del patrimonio che avevano osservato che «non avendo le coppie formato una famiglia entro 4 mesi dal bando non avevano più diritto all’alloggio».

Il bando, ha dichiarato l’assessore alla casa Claudio Fantoni, prevedeva invece punteggi aggiuntivi per determinate categorie, come le giovani coppie, già formate o che lo diventassero entro 4 mesi. Insomma erano previsti meccanismi di sostegno alle famiglie che avevano stabilito la residenza nello stesso alloggio, così come previsto dal “regolamento anagrafico della popolazione residente”. Ma in nessun punto si parla invece di revoche. E sicuramente non in presenza di famiglie di fatto anche se non sposate. «Non vi è spazio – continua l’assessore Fantoni – per speculazioni ideologiche quando si è in presenza, ad esempio, di un padre, di una madre e di figli. Questa Amministrazione mira unicamente ad offrire soluzioni concrete a tutte quelle persone, famiglie che attendono risposte a un bisogno importante come quello della casa»