Firenze: poliziotto passa col rosso, investe donna e scappa. Ma perde la targa…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 aprile 2018 12:49 | Ultimo aggiornamento: 23 aprile 2018 12:49
Firenze: funzionario di Polizia passa col rosso, investe donna e scappa. Ma perde la targa...

Firenze: poliziotto passa col rosso, investe donna e scappa. Ma perde la targa… (foto d’archivio Ansa)

FIRENZE – Un poliziotto è passato col rosso a Firenze, provocando un incidente in cui è rimasta ferita una donna. L’agente è poi scappato e per questo è stato accusato di omissione di soccorso.

A “tradire” il funzionario di Polizia è stata la targa della sua auto, che ha perso subito dopo l’incidente e che è stata recuperata da un testimone dello scontro.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Racconta La Nazione:

Tutto questo è avvenuto sotto gli occhi di un testimone che è stato così accorto da prendere la targa del pirata. Alla fine la targa l’ha presa nel senso reale del termine perché si è staccata dalla carrozzeria dell’auto investitrice ed è caduta a terra. Dopo aver prestato i soccorsi e chiamato il 118, il testimone ha raccolto il fatidico rettangolo e l’ha consegnato alla pattuglia della polizia municipale arrivata con celerità sul posto.

Tecnicamente i vigili urbani si sono messi alla ricerca di quella che è risulata essere un’auto pirata di colore bianco. Poi la sorpresa: in base a una prima ricostruzione sulla quale gli agenti della polizia municipale stanno ancora indagando con molto scrupolo, alla guida della macchina che ha travolto la signora ci sarebbe stato un funzionario di polizia. Il pirata insomma sarebbe un poliziotto, colpevole di una serie di gravi reati stradali e penali.

L’uomo, peraltro, un paio di ore dopo l’incidente, si sarebbe presentato a casa delle vittima (nel frattempo ricoverata in ospedale a Careggi) e alla anziana madre ottantenne, mostrando un tesserino della polizia di stato e qualificandosi con nome, cognome e incarico, avrebbe chiesto alla poveretta di firmare il modulo ‘Cid’ cioè la constatazione amichevole di incidente.