Cronaca Italia

Firenze, procuratore chiarisce: “Non risulta che i 2 carabinieri abbiano fatto cose simili in passato”

Firenze, procuratore chiarisce: "Non risolta che i 2 carabinieri abbiano fatto cose simili in passato"

Firenze, procuratore chiarisce: “Non risulta che i 2 carabinieri abbiano fatto cose simili in passato”

FIRENZE – “Con riferimento a titoli e articoli di stampa che mi attribuiscono dichiarazioni sulla circostanza che i carabinieri indagati possano aver compiuto anche in precedenza reati simili a quelli per i quali sono accusati, smentisco radicalmente di aver fatto tali esternazioni”. E’ quanto afferma in una nota il procuratore capo della Repubblica di Firenze Giuseppe Creazzo in merito all’inchiesta sul caso dei due carabinieri accusati di stupro da due studentesse Usa a Firenze.

“Incontrando numerosi giornalisti – prosegue – a loro specifica domanda ho anzi dichiarato esattamente il contrario, e cioè che non risultano al mio ufficio fatti simili commessi in precedenza dai medesimi carabinieri o da altri appartenenti alle forze dell’ordine”.

L’ indagine della squadra mobile, coordinata dal procuratore aggiunto Rodrigo Merlo e dalla sostituta Ornella Galeotti, punterà comunque a ricostruire tutto il contesto: non soltanto quel che è accaduto alla discoteca Flo’, poi durante il tragitto verso il centro di Firenze e infine all’ interno del palazzo in cui abitavano le due studentesse, ma anche il passato dei due indagati.

“L’ Arma è parte lesa – ha dichiarato il procuratore – e fin dal primo momento i carabinieri hanno partecipato attivamente e con determinazione alle indagini affidate alla polizia”.

To Top