Fiumicino, dopo incendio e blackout ancora disagi: odissea passeggeri Vueling

di Redazione Blitz
Pubblicato il 31 luglio 2015 11:20 | Ultimo aggiornamento: 31 luglio 2015 11:21
Fiumicino, dopo incendio e blackout ancora disagi: odissea passeggeri Vueling

Fiumicino, dopo incendio e blackout ancora disagi: odissea passeggeri Vueling (Foto Ansa)

FIUMICINO – Dopo l’incendio della pineta di Focene di mercoledì 29 e il blackout di giovedì 30 non finiscono i disagi per i malcapitati passeggeri dell’aeroporto di Fiumicino. Il viaggio di un gruppo di passeggeri della Vueling in partenza da Torino e diretti a Catania e Palermo si è rivelato una vera e propria odissea. Nove ore di ritardo, l’arrivo allo scalo di Roma alle 5 del mattino per scoprire che il volo per la Sicilia non era disponibile.

La tensione è alta la mattina del 31 luglio all’aeroporto di Fiumicino, dove si registrano ancora tanti disagi, ritardi e cancellazioni dei voli, scrive Repubblica:

“Ieri (giovedì 30 luglio, ndr) è stata un’altra giornata di caos nello scalo romano. In mattinata è scattato l’allarme per un breve black out: l’aeroporto è rimasto al buio con i passeggeri nel panico, poi la corrente è tornata alle 12.10 prima nei Terminal 2 e 3 poi anche all’1. “Il guasto, durato circa venti minuti, si è verificato a causa di un corto circuito presso una cabina di media tensione”, ha fatto sapere Adr convocata da Enac il 6 agosto per avere chiarimenti sulla situazione di Fiumicino.

Intanto, dall’incontro che si è tenuto nella Procura della Repubblica di Civitavecchia tra il procuratore capo Gianfranco Amendola e il capo del Corpo forestale dello Stato, Cesare Patrone, è emerso che il rogo è partito da un cumulo di rifiuti, è da chiarire invece l’origine dolosa o meno nell’innesco delle fiamme che poi il vento ha provveduto ad alimentare. E saranno le ulteriori indagini a chiarire questo dubbio”.

(Foto Ansa)