Fiumicino, incendio aeroporto. Scalo riapre dopo 12 ore , 400mq di negozi distrutti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Maggio 2015 9:53 | Ultimo aggiornamento: 7 Maggio 2015 14:43
Fiumicino, incendio aeroporto. Quadro elettrico tilt, 400mq di negozi distrutti

Fiumicino, incendio aeroporto. Quadro elettrico tilt, 400mq di negozi distrutti

ROMA – Fiamme all’interno del Terminal 3 aeroporto chiuso, strade e ferrovie bloccate, fumo a chilometri di distanza. All’alba di giovedì 7 maggio Fiumicino,  l’aeroporto più importante che serve Roma, si sveglia così: semidistrutto da un incendio. Stop a tutti i voli  fino alle 12. L’ipotesi più probabile, al momento, è quella del guasto anche perché già in questa  prima fase chi conduce l’inchiesta  esclude del tutto la pista dell’incendio doloso.

Era da poco passata mezzanotte quando all’aeroporto si è scatenato il rogo: fiamme alte, l’interno del terminal trasformato in un forno, una colonna di fumo visibile da chilometri di distanza. Di cose da chiarire ce ne sono ancora tante. Perché secondo quanto rilanciano le agenzie dal quadro le fiamme si sarebbero poi propagate lungo i collegamenti elettrici facendo scattare l’allarme antincendio che avrebbe funzionato correttamente senza però poter spegnere le fiamme ormai troppo alte. Un allarme antincendio che funziona ma che non spegne l’incendio.

Poi ci sono i danni. Sono andati completamente distrutti 400 metri quadri di negozi. Secondo quanto riporta l’Ansa  l’incendio si è sviluppato all’interno dell’area commerciale al piano -1 del Terminal e ha interessato un’area di circa 400 metri quadrati.

In seguito all’incendio l’aeroporto è interamente chiuso fino alle 14. Adr sconsiglia ai passeggeri di raggiungere lo scalo. Nonostante questo, c0me prevedibile, già dalle prime ore del mattino all’esterno dell’aeroporto, ci sono diverse centinaia di persone. Una folla destinata ad aumentare. Le prime notizie sulle conseguenze dell’incendio non sono confortanti: l’aeroporto tornerà aperto dopo le 14 ma per la “piena operatività” serviranno alcuni giorni.

Il testimone: Enorme colonna di fumo. Abbiamo visto una colonna di fumo altissima e poi siamo usciti per capire cosa stava succedendo”. Queste le parole di uno degli operatori dell’aeroporto di Fiumicino, al lavoro la notte scorsa proprio mentre divampava l’incendio al Terminal 3. “Quando ci siamo accorti del fumo – racconta – era mezzanotte ed il terminal era già bloccato, così come il 2. Fuori c’erano polizia, vigili del fuoco e una quarantina di passeggeri. C’era una nebbia fittissima. Secondo quanto ci hanno raccontato, le fiamme si sarebbero sviluppate da un ristorante del Terminal 3″ (foto Ansa).