Foggia, gare fittizie in ospedale: perquisito lo studio di una consigliera di Vendola

Pubblicato il 28 Marzo 2011 9:37 | Ultimo aggiornamento: 28 Marzo 2011 10:53

FOGGIA – Sono stati perquisiti cinque uffici e la Direzione generale della Asl nell’ambito dell’operazione condotta dai carabinieri dei Nas, che ha portato all’arresto di quattro persone per corruzione e altri reati compiuti – secondo l’accusa – facendo gare fittizie per la fornitura di apparecchiature sanitarie in ospedali pugliesi.

Perquisito – a quanto è stato reso noto – anche lo studio della consigliera regionale Anna Nuzziello (del movimento ‘La Puglia per Vendola’), commercialista e sorella di Vincenzo Nuzziello, uno degli imprenditori arrestati. Perquisite pure le sedi delle società che commercializzano strumentazione sanitaria: due di Foggia, una con sede a Roma e un’altra a Urbino. Le fittizie gare d’appalto per la fornitura di strumentazione sanitaria hanno riguardato – secondo l’accusa – gli ospedali di Cerignola, Manfredonia, Lucera e San Severo, tutti nel foggiano.