Foggia, incidente in circonvallazione: Michele esce di strada e muore sul colpo

di redazione Blitz
Pubblicato il 7 Gennaio 2020 11:51 | Ultimo aggiornamento: 7 Gennaio 2020 11:51
Foggia, incidente in circonvallazione: Michele esce di strada e muore sul colpo

Una persona è morta in un incidente a Foggia (Foto d’archivio)

FOGGIA – Incidente mortale la sera dell’Epifania, lunedì 6 gennaio, sulla circonvallazione di Foggia. Un uomo di 62 anni, Michele D’Ardes, ha perso la vita nello scontro della propria auto con una macchina con a bordo una famiglia. 

D’Ardes, scrive Foggia Today, viaggiava da solo a bordo della sua auto quando è finito contro la Golf della famiglia, è uscito di strada ed è finito dalla parte opposta della carreggiata. L’uomo è morto sul colpo nel violento impatto. La famiglia a bordo dell’altra auto (padre, madre e due figli) è rimasta ferita. 

I sanitari del 118 non hanno potuto che constatare il decesso di D’Ardes, estratto dalle lamiere dai vigili del fuoco. I quattro nell’altra auto sono stati invece soccorsi e trasportati in ospedale. Sono feriti ma non sono in gravi condizioni.

Modifiche al Codice della strada in arrivo

Proprio per cercare di frenare gli incidenti la Camera si appresta ad esaminare e votare una serie di modifiche al Codice della Strada per migliorare la sicurezza, ma dopo le recenti tragedie stradali tra i parlamentari sia di maggioranza che di opposizione c’è una sensazione di dubbio sull’efficacia di ulteriori sanzioni e misure punitive.

Tra le nuove norme per la sicurezza c’è un‘inasprimento delle multe per chi guida con lo smartphone (da 422 a 1.697 euro, e sospensione della patente fino a tre mesi in caso di recidiva), che risulta essere insieme all’alta velocità la principale causa di incidenti. Viene poi introdotto l’obbligo di cinture di sicurezza per gli scuolabus, a partire dal 2024, e la distanza di sicurezza laterale di 1,5 metri quando si supera una bicicletta.

Il testo contiene poi alcune misure pensate per la sicurezza stradale nelle città, per esempio l’istituzione da parte dei Comuni delle Zone scolastiche, vale a dire le strade intorno alle scuole in cui limitare la velocità a 30 chilometri orari, almeno durante gli orari di entrata ed uscita; oppure la possibilità di attraversamenti pedonali rialzati ad altezza marciapiede, con conseguente rallentamento delle auto; o ancora la possibilità per i Comuni di fare uso delle bande sonore sulle strade per far rallentare la velocità.

E’ stata invece respinta la proposta firmata dall’intero gruppo della Lega di elevare da 130 a 150 chilometri orari il limite nelle autostrade a tre corsie. (Fonti: Ansa, Foggia Today)