Foggia, pallonate contro fedeli: parroco chiude l’oratorio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 Maggio 2019 14:50 | Ultimo aggiornamento: 10 Maggio 2019 14:50
Foggia, pallonate contro fedeli: parroco chiude l'oratorio (foto Ansa)

Foggia, pallonate contro fedeli: parroco chiude l’oratorio (foto Ansa)

ROMA – Pallonate contro i fedeli che andavano a messa e insulti a ragazzino disabile: sono tra i ripetuti “atteggiamenti violenti e spregiudicati”, da parte di un gruppo di adolescenti che hanno indotto il parroco della chiesa di San Michele di Foggia a chiudere l’oratorio. Padre Giuseppe lo ha fatto affiggendo un cartello all’esterno della struttura le cui attività” ludico-ricreative – spiega – non finiranno del tutto, ma resteranno limitate solo ai ragazzini che frequentano il catechismo e a coloro che ne condividono i valori”.

“La decisione – continua –  è stata presa per motivi di sicurezza, spiega il parroco, per i comportamenti di ragazzini tra gli 11 e i 17 anni che la sera si intrattengono davanti all’oratorio compiendo azioni irrispettose nei confronti degli altri, ma soprattutto nei confronti dei fedeli che si recavano in chiesa”.

“In più di una circostanza – racconta padre Giuseppe – lanciavano pallonate contro le persone che stavano entrando in chiesa e hanno preso di mira anche un ragazzino disabile, insultandolo pesantemente”. Il parroco esasperato ha più volte chiesto l’intervento delle forze di polizia.

“Per ben cinque volte polizia e carabinieri sono venuti qui all’oratorio. Ciò che mi ha più sorpreso è stata la mancanza di rispetto verso le forze dell’ordine. In più di una occasione – aggiunge – hanno manifestato incuranze e ostilità nei confronti dell’Istituzione. Tutto questo – chiosa il parroco – ci ha costretto ad esporre questo cartello”.