Fonsai, via al processo per Salvatore Ligresti. Unicredit e Consob parti civili

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Dicembre 2013 15:45 | Ultimo aggiornamento: 4 Dicembre 2013 15:46
Fonsai, via al processo per Salvatore Ligresti. Unicredit e Consob parti civili

Salvatore LIgresti (Foto Lapresse)

TORINO – Falso in bilancio Fonsai, è iniziato a Torino il processo a carico di Salvatore Ligresti e degli ex manager del gruppo assicurativo Fausto Marchionni, Emanuele Erbetta e Antonio Talarico. 

I pm contestano agli imputati di avere falsificato il bilancio del 2010 sottostimando la riserva sinistri di poco meno di 500 milioni di euro e di avere effettuato false comunicazioni agli azionisti, provocando loro un danno pari a 256 milioni di euro. Puntano a costituirsi parti civili nel processo anche Mediobanca e Unicredit, che si ritengono danneggiati dalla passata gestione della compagnia assicurativa.

Le due figlie di Ligresti, Jonella e Giulia, sono uscite dall’inchiesta dopo la presentazione di domande di patteggiamento.  Per altri nove indagati, tra cui Paolo Ligresti, non arrestato perché residente in Svizzera,  la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio.

Gli azionisti lesi sono circa duemila. Tra le Associazioni che li rappresentano Siti (sindacato italiano tutela investimento) che da sola ne ha oltre 800, l’Adusbef e il Movimento Consumatori, il Movimento consumatori, Adoc (Associazione difesa orientamento consumatori), Federconsumatori, Acu (Associazione per la difesa dei consumatori e degli utenti).

Anche i nuovi amministratori della Fonsai hanno annunciato la costituzione di parte civile della società. Per argomentare le accuse, la procura ha citato una ventina di testimoni. Tra questi anche Piergiorgio Peluso, figlio del ministro della giustizia Anna Maria Cancellieri, che aveva ricoperto incarichi di vertice in Fonsai prima di abbandonarla per divergenze con i Ligresti.