Foodora, respinto il ricorso dei fattorini licenziati. “Non sono dipendenti ma autonomi”

di redazione Blitz
Pubblicato il 12 aprile 2018 9:11 | Ultimo aggiornamento: 12 aprile 2018 9:11
Respinto il ricorso dei lavoratori di Foodora

Foodora, respinto il ricorso dei fattorini licenziati. “Non sono dipendenti ma autonomi” (Foto Ansa)

TORINO – Respinto il ricorso di Foodora: i rider non sono dipendenti ma lavoratori autonomi, e quindi non hanno diritto alle tutele dovute ai lavoratori dipendenti.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Lo ha stabilito il Tribunale del lavoro di Torino, respingendo il ricorso di sei fattorini allontanati dall’azienda tedesca di food delivery dopo le proteste per le condizioni di lavoro e la paga troppo bassa nel 2016.

Il tribunale, spiega La Repubblica, ha ritenuto che i rider sono collaboratori autonomi non legati da un rapporto di lavoro subordinato con l’azienda, e quindi il ricorso non sussite. “Siamo soddisfatti – ha dichiarato l’avvocato della società, Giovanni Realmonte – ora aspettiamo di leggere le motivazioni del giudice”.

Ben diverso il tenore del commento dell’avvocato Sergio Bonetto, legale dei ricorrenti: “Purtroppo oggi non è stata fatta giustizia, questo è il nostro Paese. Quello che colpisce di più è che un’azienda può mandare chiunque a lasciare pacchi senza alcuna tutela”. E la collega Giulia Druetta aggiunge: “Forse per cambiare le cose deve scapparci il morto”. Gli avvocati sono pronti a ricorrere in appello.

Spiega La Repubblica: 

Decine di rider hanno affollato l’aula in cui si è celebrato il primo processo in Italia contro Foodora, il colosso tedesco  delle consegne di cibo a domicilio. Ad appoggiare la battaglia legale intentata da sei fattorini tanti colleghi anche di altre società concorrenti e alle prese con i problemi della cosiddetta “gig economy”, l’economia dei lavoretti a chiamata che per molti diventa un lavoro non dissimile da uno subordinato, per quanto precario.Proprio su questo punto avevano fatto leva durante il dibattimento gli avvocati Sergio Bonetto e Giulia Druetta, evidenziando condizioni di lavoro “con contratti privi di tutela, sotto ricatto e al di fuori dalle regole previste da qualunque attività lavorativa”.

“I fattorini Foodora erano sottoposti a un continuo controllo – sottolinea il loro avvocato – ogni loro movimento era tracciato, come se avessero un braccialetto elettronico. Un vero e proprio rapporto di lavoro subordinato, nonostante fossero inquadrati come collaboratori autonomi. A Foodora non importava delle condizioni del lavoratore vi era una costante pressione psicologica sui rider, finalizzata al mantenimento del posto di lavoro”.

 

Si difende l’azienda: “Foodora non ha violato la privacy dei rider. L’applicazione utilizzata sullo smartphone poteva accedere, attraverso il gps, soltanto al dato sulla geolocalizzazione, istantaneo e non memorizzato”.

 

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other