Fornelli (paesino del Molise) come Tsipras: chiede danni di guerra alla Germania

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 febbraio 2015 18:33 | Ultimo aggiornamento: 11 febbraio 2015 18:33
Fornelli (paesino del Molise) come Tsipras: chiede danni di guerra alla Germania

Fornelli (paesino del Molise) come Tsipras: chiede danni di guerra alla Germania

FORNELLI, ISERNIA – C’è un paesino del Molise, Fornelli, che fa come la Grecia di Tsipras e chiede i danni di guerra alla Germania. E, ironia della sorte, a chiedere il risarcimento ai tedeschi è il sindaco che di nome fa Giovanni e di cognome fa Tedeschi. Il piccolo centro molisano, duemila anime che presidiano una rocca in provincia di Isernia, ha già avviato la procedura. Fornelli il 4 ottobre del 1943 fu teatro di una strage nazista. Sei fornellesi furono uccisi, per rappresaglia, dai tedeschi. Furono condannati alla forca.

La giunta comunale, con una delibera, ha dato mandato a uno studio legale di avviare l’iter. Il sindaco Tedeschi ha precisato che se l’ente riceverà il riconoscimento economico sarà impiegato per la realizzazione di opere per ricordare i martiri di Fornelli:

“L’azione contro la Germania non coinvolge solo il Comune, inteso come ente, di Fornelli (Isernia), ma anche 20 familiari delle vittime della strage nazista nel nostro piccolo centro. Chiediamo il riconoscimento del danno morale per morti gratuite e violente, frutto di un terribile reato: omicidio plurimo aggravato”. Al comune è stata già riconosciuto la Medaglia di Bronzo al Valor Militare.

Il sindaco annuncia: “Presto ci sarà un incontro con gli avvocati di uno studio legale che seguirà l’iter gratuitamente. Poi – ancora Tedeschi – procederemo presso il Tribunale di Isernia e da lì per gradi di successione”.

Il Procuratore di Isernia, Paolo Albano, si è già occupato con un procedimento penale analogo. Nel 1994, in veste di Pm della Procura di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), fece condannare all’ergastolo due nazisti responsabili di una strage di civili a Caiazzo (Caserta). Fu la prima sentenza, in Italia, emessa da una Corte d’Assise e non da un Tribunale Militare.

Anche la Grecia chiede il conto alla Germania dei danni del nazismo, in merito il sindaco di Fornelli ha detto: “Vedremo cosa contestano, comunque se la Grecia pensa di aver subito un torto è giusto che vada avanti”. Quanto al nuovo corso della politica della Grecia con Tsipras, Tedeschi ha dichiarato: “È giusto ciò che sta facendo, non è possibile che la Germania dà le direttive e tutti diciamo: “Obbedisco”. È necessario un certo grado di autonomia, altrimenti viene meno il concetto di Stato”.