Forza Nuova impicca manichino davanti all’Agenzia delle Entrate a Macerata

Pubblicato il 11 Gennaio 2012 12:04 | Ultimo aggiornamento: 11 Gennaio 2012 12:11

MACERATA – Alcuni militanti di Forza Nuova hanno affisso la scorsa notte davanti all'Agenzia delle Entrate di Macerata uno striscione con la scritta ''Il debito pubblico e' una truffa. Stop signoraggio'', impiccando inoltre un manichino davanti ai cancelli d'ingresso ''per dare voce agli italiani afflitti da pignoramenti, licenziamenti, precariato, pensioni che scompaiono e aumenti dei prezzi''.

''Un'iniziativa – si legge in una nota del movimento di ultradestra – per combattere la disinformazione sulla crisi economica in atto e protestare contro la manovra 'lacrime e sangue' imposta del governo del bankster Monti''. Secondo i forzanovisti, ''il debito pubblico e' un debito che abbiamo contratto con l'ormai privatizzata Banca d'Italia, che crea denaro dal nulla e lo presta allo Stato e ai cittadini. Questo meccanismo, chiamato signoraggio bancario, genera un debito inestinguibile, che affama il popolo e lo rende succube al potere finanziario del Fondo Monetario Internazionale''.

Per Fn ''l'unica soluzione per uscire dalla crisi'' starebbe nel non pagare il debito e nazionalizzare le banche; lo Stato dovrebbe riappropriarsi della sovranita' monetaria, varare misure coercitive verso i ''gruppi finanziari che stanno speculando sull'Italia e sull'Europa'' e interpellare i cittadini attraverso referendum sulle decisioni da prendere in ambito economico e finanziario.