Forze Armate, dieta d’obbligo per i militari in sovrappeso

di Redazione blitz
Pubblicato il 24 novembre 2018 15:34 | Ultimo aggiornamento: 24 novembre 2018 15:34
forze armate dieta

Forze Armate, dieta d’obbligo per i militari in sovrappeso

ROMA – Nuova decisione del Ministero della Difesa che sospende per ora la circolare in merito ai militari in sovrappeso. La circolare dell’Esercito disciplinava le situazioni riguardante l’eccessivo peso ponderale, fino alla risoluzione estrema di congedo per inidoneità al servizio. 

Il cambiamento di direttive non significa che il problema non esista e non sia anche abbastanza serio, i soldati non proprio in forma sono in buon numero, di fatto la prima circolare è stata annullata poiché è stato pensato un ampliamento della direttiva, infatti a seguito dello stop è subito stata inoltrata allo Stato Maggiore della Difesa una richiesta di predisporre un nuovo e più dettagliato documento che valga per tutte le Forze Armate, ovvero un programma globale per tutti utile e ristabilire il peso ponderale in modo mirato e personalizzato.

Alcune fonti del Ministero della Difesa hanno cosi spiegato il piano di rientro indicativo per i militari in sovrappeso:  “Non sarà un provvedimento-capestro, si tratterà dell’individuazione di un percorso guidato che consenta di tenere conto anche dell’età e dell’incarico ricoperto”. Nessun provvedimento drastico quindi, ma una selezione accurata che determinerà in modo individuale la reale necessità di mettersi a dieta per ogni soldato.

Alla luce delle nuove direttive, Esercito, Marina e Aeronautica dovranno salire sulla bilancia per ritornare a una globale e ottima forma e indossare le divise senza difficoltà e bottoni che saltano; La nuova circolare si prefigge di diversificare i criteri applicativi tenendo conto dei dati anagrafici e delle mansioni operative del personale, attraverso un programma preorganizzato di step, che potranno coinvolgere anche il personale sanitario militare, finalizzato a far recuperare il peso forma e la tonicità fisica ai soldati “taglie forti” ; stop quindi ai pasti ipercalorici e via libera a un’alimentazione più salutare.