Foto delle gite su Facebook? Occhio, serve il permesso delle persone presenti

Pubblicato il 7 settembre 2012 8:25 | Ultimo aggiornamento: 7 settembre 2012 9:51

pullmann_giteROMA – Foto sul pullman, smorfie davanti all’obiettivo e abbracci con compagni e prof puntualmente finiscono su Facebook dopo le gite a scuola. Attenzione, però: serve il permesso delle persone presenti, parola del Garante della Privacy. E se non hai consenso rischi che quella vacanza con gli amici di scuola, così come la foto di gruppo dopo un saggio o uno spettacolo diventi un incubo che trasportato sulla realtà significa sanzioni disciplinari, multe o addirittura imputazioni. A decidere è la scuola.

Il presidente dell’Authority, Antonello Soro, ha spiegato che “l’obiettivo non è di sanzionare o dare prescrizioni”. Eppure la regola è chiara, così come per i cellulari: possono essere usati solo “per scopi strettamente personali”, non per diffondere video o foto su internet “senza il consenso delle persone riprese”.

Diktat precisi anche su iPad e simili: si usino solo “per fini didattici” o per “consultare in classe libri elettronici e testi online”.

Per le pagelle elettroniche il Garante fa sapere che “in attesa di poter esprimere il previsto parere”, “auspica l’adozione di adeguate misure di sicurezza”.

E pure i voti a scuola, quelli delle interrogazioni e degli scrutini sono finiti nel mirino dell’Authority. Spiega al Corriere della Sera Salvatore Giuliano preside dell’istituto Majorana di Brindisi, considerato il più digitalizzato d’Italia: “Senza liberatorie e informative non potremmo andare avanti. Informiamo gli studenti di qualsiasi operazione che possa comportare l’utilizzo di dati, foto, video. E siamo attentissimi a tutelare i loro dati personali, a cui possono accedere solo loro o le famiglie attraverso login e password. La privacy per noi è pane quotidiano”.