Francesca Zaccarioto prosciolta: niente processo per abuso d’ufficio e falso

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Gennaio 2015 10:02 | Ultimo aggiornamento: 21 Gennaio 2015 10:02
Francesca Zaccarioto prosciolta: niente processo per abuso d'ufficio e falso

Francesca Zaccarioto prosciolta: niente processo per abuso d’ufficio e falso (foto Ansa)

SAN DONA’ DI PIAVE  – Francesca Zaccariotto è stata prosciolta dall’accusa di abuso d’ufficio e falso: l’ex sindaco di San Donà di Piave ed ex presidente della Provincia di Venezia non andrà a processo. Il gup Massimo Vicinanza ha dichiarato il non luogo a procedere nei suoi confronti. Zaccariotto era stata accusata di aver assunto un ex appartenente alla mafia del Brenta Luciano Maritan come guardaparchi senza che ne avesse i titoli, all’epoca in cui era sindaco di San Donà di Piave.

Il Gazzettino aggiunge che

con lei sono stati prosciolti anche Luciano Maritan, nipote del boss della Mala, e la dirigente del Comune sandonatese Eugenia Candosin. Lo ha deciso il giudice per l’udienza preliminare Massimo Vicinanza che non ha creduto alla ricostruzione della Procura secondo cui l’allora sindaco Zaccariotto avrebbe istigato la sua dirigente ad attestare il falso per assumere come guardia parco proprio Maritan, preferendolo ai 32 candidati che lo precedevano in graduatoria.

Le difese hanno sostenuto la regolarità di un’assunzione a termine per un lavoro socialmente utile, per cui il Comune attingeva a una lista che non era una graduatoria. Il gip ha prosciolto tutti perché il fatto non sussiste. Zaccariotto ha accolto la sentenza tra le lacrime. “La giustizia ha saputo fare giustizia”.