Francesco Nozzolino aggredito a Napoli: “Viviamo nella giungla?”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 marzo 2018 13:55 | Ultimo aggiornamento: 16 marzo 2018 13:55
Francesco Nozzolino: aggressione a Napoli

Francesco Nozzolino aggredito a Napoli: “Viviamo nella giungla?”

ROMA – Francesco Nozzolino, la star di Avanti un Altro, è stato aggredito sul lungomare di Napoli da un gruppo di ragazzini per la sua omosessualità.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela.

Nozzolino, che solo poco tempo fa era stato aggredito da un gruppo di ragazzini a Sarno, ha raccontato su YouTube dell’aggressione subita da un gruppo di ragazzini che, dopo averlo insultato, lo hanno preso anche a calci e spintoni. Nel video Nozzolino spiega che mentre si trovava sul lungomare è stato avvicinato da diversi ragazzini. Alcuni gli hanno chiesto un selfie, ma altri hanno iniziato a insultarlo, come racconta Il Mattino:

“A un certo punto, si sente una ragazzina chiedere di smetterla con le offese e un altro domandarle: «Ti pare normale che si presenti qui in mezzo?». E lei rispondere: «E che fa? È uno della televisione!». Come se solo la notorietà consentisse a una persona gay di passeggiare liberamente per strada”.

La star di Avanti un Altro ha poi commentato quanto accaduto sui social network:

“«Non ho intenzione di denunciare nessuno perché si tratta pur sempre di ragazzini – ha scritto Nozzolino, presentando il video sui social network – ma sono letteralmente schifato e vorrei che i giovani di oggi capissero una volta e per tutte che non c’è nulla di male ad essere gay, che l’amore non ha sesso ed è estremamente incivile emarginare o bullizzare qualcuno solo perché di orientamento sessuale diverso. Siamo nel 2018 caspita, non nel Medioevo!!!».

E in conclusione giustifica così la scelta di condividere lui stesso il video, spiegando di essere stato aggredito anche fisicamente: «Ho deciso di pubblicare il filmato dopo che ha fatto il giro del web. Qui non si vede ma alcuni ragazzi mi hanno anche dato calci e schiaffi alle spalle. È inaccettabile, ma dove viviamo, nella giungla?»”.