Francesco Schettino, legittimo licenziarlo: giudice dà ragione a Costa Crociere

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Maggio 2015 16:13 | Ultimo aggiornamento: 5 Maggio 2015 16:13
Francesco Schettino, legittimo licenziarlo: giudice dà ragione a Costa Crociere

Francesco Schettino, legittimo licenziarlo: giudice dà ragione a Costa Crociere

GENOVA – E’ legittimo il licenziamento di Francesco Schettino: lo ha deciso il giudice del lavoro accogliendo il ricorso di Costa Crociere. Schettino è stato licenziato dalla compagnia dopo il naufragio della Concordia, naufragata all’isola del Giglio il 13 gennaio 2012. Morirono 32 persone.

Francesco Schettino ha raccontato la propria versione dei fatti in un libro dal titolo evocativo, ‘Le verità sommerse’ (Grauseditore), della giornalista Vittoriana Abate alla quale il comandante ha raccontato l’intera vicenda. Una versione “inedita”, garantisce la casa editrice che include anche la vita, le esperienze e i ricordi di Schettino, che vanta “trenta anni di mare”. Ne emerge il profilo di un uomo diverso da quello sottoposto prima a un “processo mediatico” e poi a uno giudiziario, che nel libro parla anche di ciò che “non è stato raccontato del naufragio, dagli atti del processo alle testimonianze mai sentite prime”. Dunque, dall’impostazione della rotta al momento dell’impatto, dalla gestione dell’emergenza all’abbandono della nave.