Francofonte (Siracusa), incidente sulla statale 194: tre morti. I sindaci della zona chiudono la strada

di redazione Blitz
Pubblicato il 31 Ottobre 2019 10:04 | Ultimo aggiornamento: 31 Ottobre 2019 10:04
Francofonte (Siracusa), incidente sulla statale 194: tre morti. I sindaci della zona chiudono la strada

(Foto d’archivio Ansa)

SIRACUSA – Ennesimo incidente stradale sulla statale 194 all’altezza di Francofonte (Siracusa): tre persone sono morte nell’impatto tra un’auto e un tir che trasportava animali. Le vittime sono Mauro Nunzio Dipasquale, dermatologo di Messina di 58 anni, che era alla guida dell’auto, la madre Lucia Giudice, 90 anni, di Messina, e un’amica dell’uomo, Silvana Sciarrone, 49 anni, di Messina. 

Secondo le prime informazioni, l’auto sulla quale i tre viaggiavano stava procedendo da Ragusa in direzione Catania quando, durante un sorpasso, si è scontrata frontalmente  con un camion che proveniva in direzione opposta. I tre sono morti sul colpo. La Procura di Siracusa ha aperto un’inchiesta per stabilire la dinamica dell’incidente ed eventuali responsabilità.

E l’incidente ha fatto scattare la protesta dei sindaci della zona: i primi cittadini Daniele Lentini, di Francofonte, Giuseppe Stefio, di  Carlentini, Sebastiano Guerrieri, di Chiaramente Gulfi, Giovanni Verga, di Licodia Eubea, Vito Cortese, di Vizzini, e Saverio Bosco, di Lentini hanno annunciato la chiusura dei tratti della statale ricadenti nel territorio dei loro Comuni.

I sindaci ricordano che a Catania, “solo pochi giorni prima c’era stato un incontro con il viceministro alle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri e con l’amministratore delegato di Anas, Massimo Simonini”, durante il quale questi ultimi hanno ribadito di mantenere ferma la volontà di procedere alla realizzazione dell’autostrada Ragusa-Catania con Anas e fondi interamente statali, “senza tenere in considerazione il fatto che si spostassero considerevolmente in avanti i tempi di realizzazione, accantonando la procedura che aveva ottenuto tute le procedure di legge”.

I primi cittadini, aggiungono con amarezza, “sono stati purtroppo facili Cassandre quando hanno detto che ‘saremo costretti a contare ulteriori vittime'”. A questo punto i sindaci hanno deciso, “a tutela della sicurezza pubblica”, di comunicare ai prefetti di Siracusa, Ragusa e Catania di volere adottare ordinanze “contingibili e urgenti” di chiusura al transito veicolore dei tratti della statale 514 ricadenti nei territori di Francofonte, Carlentini, Chiaramonte Gulfi, Licodia Eubea, Vizzini e Lentini”. (Fonti: Agi, la Repubblica)