Frecciabianca, addetto pulizia del treno insulta passeggera di colore: “Torna al tuo Paese”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Luglio 2019 17:28 | Ultimo aggiornamento: 26 Luglio 2019 17:28
Treno Frecciabianca

Un treno Frecciabianca (Foto archivio ANSA)

ROMA – Un addetto alle pulizie ha insultato una passeggera di colore su un treno Frecciabianca quando si trovavano all’altezza della stazione di Campiglia. La ragazza, originaria del Mali, è stata soccorsa da un viaggiatore che ha denunciato l’accaduto su Facebook, tanto che il capotreno si è scusato per quanto accaduto. Anche Ferrovie dello Stato: “Abbiamo chiesto alla ditta esterna che gestisce il servizio di prendere provvedimenti”.

Enrico Galletti sul Corriere della Sera riporta la descrizione dell’episodio di razzismo, raccontata dal giornalista e autore del post su Facebook Lorenzo Tosa. Il treno era partito da Roma e diretto a Genova e il giornalista era seduto davanti a una ragazza del Mali di 23 anni. I due stavano guardando fuori dal finestrino, quando è accaduto qualcosa: “Delle urla forti e indistinte arrivano nel nostro vagone. È difficile capire a chi appartengono e a chi sono rivolte. Alzando lo sguardo vedo un uomo sulla quarantina con indosso la pettorina del servizio di pulizia. Ad un certo punto esclama: ‘Negra di m… Tornatene al tuo Paese. Devi levarti da qui, schifosa, lascia il posto a chi paga il biglietto'”.

Il giornalista prosegue nel raccordo: “La ragazza era in stato di choc. Provava a difendersi, gli urlava con una strana mescolanza di accenti, tra italiano, francese e toscano stretto: ‘Razzista!’. ‘Fascista!'”. L’addetto alle pulizie allora è esploso: “Ma quale fascista. Zitta, negra, che c’avete tre strade e le abbiamo costruite noi nel ‘39”.

Lorenzo ha così deciso di intervenire e ha detto: “Mi sono alzato e mi sono precipitato verso quell’uomo, gli ho fatto notare che con la sua divisa rappresentava il treno e il nostro Paese. A quel punto lui ha rincarato la dose con la ragazza. È intervenuto il controllore, richiamato dalle urla, l’ha obbligato a scusarsi”.

L’episodio è stato accertato da Trenitalia e Ferrovie dello Stato ha precisato che “il comportamento dell’operatore, riportato da un viaggiatore al capotreno, è stato segnalato alla società appaltatrice che gestisce il servizio di pulizia. Trenitalia vigilerà affinché la ditta, esterna al Gruppo FS Italiane, adotti tutti i provvedimenti ritenuti necessari”. Nella nota si legge: “Scusandosi con la viaggiatrice, come già fatto di persona dal capotreno, Trenitalia condanna l’episodio confermando la sua attenzione verso tutti i passeggeri e le loro esigenze”. (Fonte Corriere della Sera)