Frontiere aperte Ue, ripartono i voli: ma è caos bagagli a mano, Alitalia li vieta in cabina

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 Giugno 2020 13:34 | Ultimo aggiornamento: 15 Giugno 2020 13:34
Frontiere aperte Ue, ripartono i voli: ma è caos bagagli a mano, Alitalia li vieta in cabina

Bagagli a mano vietati in cabina (Ansa)

ROMA – Con la riapertura oggi 15 giugno delle frontiere interne all’Ue, aumentano i collegamenti aerei da e per l’aeroporto di Roma Fiumicino: oltre 100 voli in totale tra arrivi e partenze, ma scoppia il caos sui bagagli a mano.

Dodici i paesi europei collegati.

Bagagli a mano: Alitalia li vieta a bordo

Ma la riapertura ha causato grandi disagi – e arrabbiature – per la questione bagagli. 

Quelli a mano, su trolley di piccoli dimensioni, non si possono portare, Alitalia non consente di portarli a bordo. 

Circostanza sconosciuta ai passeggeri: il decreto del governo parlava in proposito solo di bagagli di grandi dimensioni.

Fiumicino, i voli riattivati

Ben 7, tra Francoforte, Monaco e Dusseldorf, sono le destinazioni per la Germania raggiungibili dal Leonardo da Vinci con voli Alitalia e Lufthansa.

Seguono poi 3 voli per la Svizzera operati da Alitalia e Swiss (due per Zurigo ed uno per Ginevra) ed altrettanti per il Belgio (tutti e tre per Bruxelles: due della Brussels Airlines ed uno Alitalia).

Due sono poi i voli diretti in Gran Bretagna, nello specifico Londra Heathrow con aerei AZ, così come quelli per Francia (un Alitalia e un Air France per Parigi) e Lussemburgo (un Alitalia e un Luxair).

Completano il quadro, Bulgaria, Spagna, Grecia, Paesi Bassi, Bielorussia e Croazia con un volo per ciascuna destinazione operato rispettivamente da Bulgaria Air (Sofia); Alitalia (Madrid); Aegean (Atene); Klm (Amsterdam); Belavia (Minsk) e Croatia Airlines (Zagabria).