Conclusa la “fuitina” dei due ragazzi di Reggio Emilia, traditi dagli sms

Pubblicato il 31 Marzo 2010 10:44 | Ultimo aggiornamento: 31 Marzo 2010 10:44

Si è conclusa la “fuitina” dei due ragazzi minorenni della provincia di Reggio Emilia, traditi dallo stesso sms che avevavo mandato ai genitori per tranquillizzarli. Ieri in tarda serata i due innamorati, lui 16 anni lei 17 (non quattordicenni come invece era stato detto, ndr…), sono  stati ritrovati dai carabinieri di San Martino in Rio.

Secondo le prime indiscrezioni le forze dell’ordine avevano lavorato proprio sugli sms che la giovane coppia aveva mandato alle famiglie. Intercettati i cellulari i due fidanzatini sono stati avvicinati dai carabinieri in borghese mentre passeggiavano a Piazza della Terra e sono stati portati in caserma, dove sono stati raggiunti e affidati ai genitori.

I due ragazzi hanno raccontato poco sulla loro fuga, sostenendo di essere stati ospiti di amici. Le indagini ora vertono sui dettagli degli spostamenti dei minori, che stando alle prime risultanze pare non abbiano abbandonato la provincia di Reggio Emilia. Si sta verificando anche l’esistenza di eventuali compiacenze nella fuga. Eventuali corresponsabilità di maggiorenni potrebbe costare loro l’accusa di sottrazione di minori.

Secondo un’ipotesi non confermata ma nemmeno smentita, i due adolescenti potrebbero aver deciso di allontanarsi come reazione d’impeto da parte del ragazzo per un tentativo di sottrarsi ad un incidente probatorio lunedì prossimo in tribunale che lo vede possibile parte offesa. Mesi fa, la famiglia del ragazzino presentò infatti denuncia contro un insegnante che gli impartiva lezioni private e che lo avrebbe reso oggetto di molestie a sfondo sessuale. L’incidente probatorio dovrebbe servire al pm per valutare l’attendibilità del giovane.