Funerali Pamela Mastropietro, la mamma: “Ti hanno massacrata, ma tu sei viva”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 maggio 2018 20:34 | Ultimo aggiornamento: 5 maggio 2018 20:34
Funerali Pamela Mastropietro, un corteo funebre accompagna la bara in chiesa

Funerali Pamela Mastropietro, un corteo funebre accompagna la bara in chiesa

ROMA – “Ti hanno massacrata, ma tu sei viva e meriti il paradiso”. Alessandra Verni, la mamma di Pamela Mastropietro, parla così durante i funerali iniziati alle 11 di sabato 5 maggio a Roma nella chiesa Ognissanti di via Appia Nuova. La figlia di appena 18 anni è stata uccisa e fatta a pezzi lo scorso gennaio e mamma Pamela, con amici e parenti, solo il 5 maggio ha potuto scortare con un corteo funebre la bara della ragazza fino alla chiesa.

Una cerimonia tra magliette, striscioni e fiori per Pamela, con la mamma che le ha dedicato un pensiero stupendo: “Hai meritato il paradiso e non tutti se lo possono permettere. Anche se ti hanno fatto un male atroce tu sei viva alla faccia di tutte quelle persone che ti hanno massacrata. Questo, amore, non è un addio. Un giorno ci rincontreremo e sarà per sempre. Ti amo Pamy”.

E ha aggiunto: “Ciao amore mio, mi manchi da morire. Quello che ti hanno fatto è disumano, è un dolore atroce, è una lama che si conficca nel cuore e te lo spacca a metà. Hai le gambe che tremano, vorrebbero cedere, hai sospiri di angoscia ma poi arrivi tu con i tuoi segni e mi fai capire che tu ci sei. Sei sempre vicino a noi”.

La famiglia di Pamela ora chiede giustizia, con lo zio e legale Marco Valerio Verni che dopo essere arrivato in chiesa ha dichiarato: “Lotteremo fino in fondo affinché questa ragazza di 18 anni, questa bambina uccisa con delle coltellate, fatta a pezzi e messa in due trolley trovi giustizia. Lo faremo per lei, per la sua famiglia e per tutto il mondo civile perché questa è la battaglia di tutto il mondo civile contro quello della barbarie”.

Il parroco don Francesco invece ha invitato i presenti a non lasciarsi rubare la speranza: “Non lasciatevi rubate la speranza sul vostro futuro. Il signore è con voi, vi accompagna. Pamela è tornata a casa e ora vogliamo stringerla con un forte abbraccio spirituale per farle sentire tutto il nostro amore. Con umiltà chiediamo perdono di tutte le nostre mancanze”.

App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui

Ladyblitz – Apps on Google Play

Dietro al carro funebre la mamma Alessandra con un mazzo di rose rosse. Ad attendere fuori dalla chiesa il feretro di Pamela, in una bara bianca, diversi amici. All’esterno della parrocchia di via Appia alcune amiche hanno esposto uno striscione rosa con su scritto “Infinitamente… manchi ma ci sei!”. Oggi in occasione dei funerali è stato proclamato il lutto cittadino a Roma e Macerata.

Amici con indosso magliette con una foto di Pamela, un cuore e la scritta “da qui nessuno potrà mai portarti via”, foto della ragazza sorridente, libri delle dediche, palloncini bianchi e fiori. Davanti all’altare della chiesa Ognissanti di via Appia Nuova a Roma, dove alle 11 si celebreranno i funerali, la bara bianca della ragazza con sopra un grande cuscino di rose rosse di “mamma e papà”.

Tra le numerose corone di fiori, quella della sindaca di Roma, della nonna Giovanna, dei professori e di Luca Traini, l’uomo che per ‘vendicare’ la ragazza sparò all’impazzata a Macerata contro alcuni migranti qualche giorno dopo il ritrovamento del corpo della ragazza, fatta a pezzi, e messa in due valigie. Dall’apertura della camera ardente continua l’afflusso di amici e cittadini comuni che si stanno recando in chiesa per portare l’ultimo saluto alla ragazza e le condoglianze ai familiari.

La cerimonia si è conclusa e la bara bianca è stata portata fuori a braccio da familiari ed è stata accolta all’esterno della chiesa da un lungo applauso e palloncini bianchi volati in cielo. In prima fila durante la messa la mamma Alessandra con una maglietta rosa, indossato oggi dalle persone più vicine alla ragazza, con la stampa di Pamela sorridente con una corona d’argento in testa e la scritta ‘da qui nessuno ti potrà mai portare via’.

Anche il sindaco Virginia Raggi, lasciando la chiesa al termine dei funerali, ha dichiarato: “E’ un giorno di grande dolore per la città e la città è vicina alla famiglia che sta vivendo un lutto, una tragedia davvero molto difficile da superare. Ci stringiamo con un abbraccio ideale alla mamma, al papà e a tutta la famiglia”.

(Foto Ansa)