Cronaca Italia

Fusignano (Ravenna), cane morì azzannato durante una zuffa. Padrona risarcita

fusignano-cane-azzannato-padrona

Fusignano (Ravenna), cane morì azzannato durante una zuffa. Padrona risarcita

FUSIGNANO (RAVENNA) – Il suo cane morì azzannato durante una zuffa con il cane dei vicini. E adesso lei verrà risarcita. Lo ha deciso il tribunale di Ravenna.

I fatti, ricorda Andrea Colombari sul Resto del Carlino, risalgono a tre anni fa, e precisamente al 10 giugno del 2014. Allora Oscar, un esemplare di golden retriever di 4 anni proveniente da un allevamento di Rimini, morì dopo tre giorni di agonia in seguito ad una zuffa con un altro cane, che lo aveva morso sulla spina dorsale.

Per questi fatti, avvenuti a Fusignano (Ravenna), il giudice Alessandra Medi ha condannato i due proprietari del cane che ferì a morte Oscar a pagare 4mila euro di spese di lite e a risarcire la proprietaria di Oscar con quasi 4.500 euro, di cui circa 3.500 euro per le spese mediche pagate e per l’acquisto di un nuovo cucciolo, oltre ad altri mille euro per “l’inevitabile sofferenza che consegue – si legge nella sentenza – quando il rapporto tra padrone e animale d’affezione viene meno”, un rapporto che “costituisce espressione di una relazione di completamento e sviluppo della personalità individuale”.

Racconta il Resto del Carlino: 

 

Il fatto risale al 10 giugno 2014. (…) Quel giorno l’avvocatessa, di ritorno in studio con il cane al guinzaglio, viene aggredita dall’altro golden retriever che la fa cadere. A quel punto il guinzaglio le scivola di mano e Oscar viene centrato con un morso sulla schiena e cade a terra inerme, là dove poi l’altro cane continua a morderlo. Versione confermata da un vicino che aveva visto la scena dalla finestra e che aveva aggiunto che il padrone del cane, dopo avere staccato l’animale dall’altro, si era adoperato per il messaggio cardiaco di Oscar.

Un altro vicino aveva invece sostenuto che i cani fossero entrambi senza guinzaglio e che Oscar fosse capitolato dopo alcuni minuti di zuffa: era stato il padrone del secondo golden a dividerli e a mettere il guinzaglio al suo. In ogni modo per il giudice l’animale gli era sfuggito dal controllo: e se ciò non fosse accaduto, «non si sarebbe verificato alcuno scontro tra animali».

 

To Top