Gabriella Serangeli uccisa da camion. Assicurazione: “Bassa: risarcita a metà”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Maggio 2015 15:13 | Ultimo aggiornamento: 11 Maggio 2015 15:14
Gabriella Serangeli uccisa da camion. Assicurazione: "Bassa: risarcita a metà"

(Foto d’archivio)

ROMA  –  Il camion esce da un parcheggio, non si ferma allo stop e travolge e uccide una donna sul marciapiede. L’assicurazione, però, chiede che il risarcimento venga dimezzato perché la vittima è alta un metro e cinquanta centimetri, cioè troppo bassa per essere vista dal camionista, spiega Giulio De Santis sul Corriere della Sera.

L’incidente è accaduto il 15 marzo del 2014 a Cesano, in via Baccanale, nel parcheggio di un supermercato. Gabriella Serangeli, 65 anni, stava camminando sul marciapiede quando è stata investita dal camion. Vista la scarsa altezza della donna, sostiene il perito dell’Axa (l’assicurazione del mezzo), la donna sarebbe “corresponsabile” dell’incidente.

Per questo la compagnia ha calcolato il risarcimento danni da destinare ai familiari della vittima su base concorsuale paritaria. La Procura, invece, ha chiesto e ottenuto il rinvio a giudizio del camionista, Marco De Paolis, con l’accusa di omicidio colposo. “Nulla si può contestare al pedone perché camminava correttamente sul marciapiede e poiché lo faceva da diversi minuti, com’è normale, pensava di essere veduta”, sostiene il consulente della famiglia della donna.