Gaetano Musella, ex Napoli, trovato morto ai margini dell’Aurelia a Savona. Ipotesi delitto gay

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 settembre 2013 17:41 | Ultimo aggiornamento: 30 settembre 2013 17:48
Gaetano Musella con la maglia del Napoli

Gaetano Musella con la maglia del Napoli

FINALE LIGURE (SAVONA) – Gaetano Musella, ex calciatore del Napoli anni ’80, è stato trovato morto a Finale Ligure, in provincia di Savona, non lontano dalla fabbrica della Piaggio Aero Industries, tra Finale e Borgio Verezzi, ai margini dell’Aurelia ” in un luogo conosciuto per essere ritrovo di gay“. Musella è stato ritrovato con i pantaloni calati. L’ipotesi formulata dagli inquirenti è che possa essere stato ucciso. Indagano i carabinieri di Finale e Albenga.

Le foto del Secolo XIX

Cresciuto nelle giovanili del Napoli, Musella esordì in maglia azzurra a gennaio 1978, e poi fu mandato a farsi le ossa in Serie C a Padova nel 1978-1979. Nel 1980 Musella torna al Napoli. Nel Napoli giocò 67 partire siglando 13 reti. Passò poi alla Sampdoria e al Catanzaro, che fu l’ultima sua squadra in Serie A. Terminata la carriera da calciatore Musella resta nel mondo del calcio come allenatore. Recentemente era stato anche allenatore della Sanremese.