Gardaland/ Il nuovo gioco: paghi 10 euro e spingi indietro il vicino. E’ nato il biglietto per saltare la fila

Pubblicato il 11 giugno 2009 14:07 | Ultimo aggiornamento: 11 giugno 2009 14:47

Un buon marketing è quello che interpreta, aderisce e soddisfa il “suo” segmento di mercato. Quindi, onore all’ufficio marketing del divertimentificio Gardaland che ha interpretato il congenito fastidio italiano per le regole, ha aderito al costume nazionale di mostrarsi più furbi, più in gamba e più potenti del vicino, e ha soddisfatto la voglia tricolore di insegnare al pupo come si fa a fregare il prossimo. A tutto questo Gardaland ha dato forma e sostanza, finalmente c’è, sotto forma di prodotto in vendita, la risposta a un bisogno di consumo. Infatti a Gardaland, se paghi, la fila per andare a divertirti non la fai più.

Anzi, le fila diventano due, quella di chi può e quella di chi non può: 35 euro per entrare, facendo la fila per accedere a giochi e attrazioni. Ma con altri 10 euro la fila la salti e ti infili per primo. E, se ti scappa un sorriso tipo quello del Marchese del Grillo quando diceva: «Io sono io e voi non siete un…», siete giustificati, alla sola condizione di esibire lo scontrino salta-fila.

Una signora di nome Claudia ha scritto al quotidiano “Avvenire” dicendo che è uno schifo e che è pessimo esempio per i bambini. Il quotidiano della Cei le dà ragione. Ma il marketing non conosce e pratica “moralismi”, la cosa funziona: Gardaland incassa e gli italiani godono a saltare la fila. Per uno sfizio così 10 euro sono un buon prezzo. L’unica preoccupazione è per l’esaurirsi  progressivo di un’arte artigiana: quella di saltarla la fila per innata, coltivata e gratuita perizia.