Garlasco, la difesa di Alberto Stasi: “Test Dna, risultato incompleto”

di redazione Blitz
Pubblicato il 11 settembre 2014 14:28 | Ultimo aggiornamento: 11 settembre 2014 14:28
Garlasco, la difesa di Alberto Stasi: "Test Dna, risultato incompleto"

Garlasco, la difesa di Alberto Stasi: “Test Dna, risultato incompleto”

GENOVA – Il nuovo test del Dna è incompleto: è quello che sostengono i legali di Alberto Stasi, accusato dell’omicidio di Chiara Poggi, dopo aver assistito alla comparazione tra il Dna maschile trovato sotto le unghie di Chiara e un campione di Dna di Stasi.

“I 5 marcatori del Dna sono compatibili con Alberto Stasi ma potrebbero essere di chiunque. Al momento non è un dato significativo. Vedremo cosa verrà scritto nella perizia. Verificheremo in sede di deposito”, ha detto Fabio Giarda, legale di Alberto Stasi, dopo l’incontro tra periti e consulenti.

Il confronto è avvenuto al dipartimento di Scienza e Salute dell’Università di Genova. “La comparazione – ha continuato l’avvocato Fabio Giarda – è stata fatta su pochissimi marcatori che sono comuni a quelli di un sacco di altre persone. I marcatori in totale sono 17, ma per una validità concreta ne servono almeno la metà più uno. Questo esame ha validità statistica ma non in termini processuali”.

Nella sede del dipartimento di Scienza e Salute dell’Università si sono riuniti i periti e i consulenti per la comparazione del dna di Alberto Stasi, imputato a Milano nel processo d’appello ‘bis’ per l’omicidio dell’allora sua fidanzata Chiara Poggi, con le tracce del cromosoma Y, maschile, individuato sui frammenti di due unghie della ragazza uccisa il 13 agosto 2007.