GARLASCO NULLA DI FATTO. VINCE LA DIFESA. GUP DISPONE TRE NUOVE PERIZIE

Pubblicato il 30 aprile 2009 20:21 | Ultimo aggiornamento: 30 aprile 2009 23:39

Il Gup di Vigevano Stefano Vitelli non ha emesso sentenza per l’omicidio a Garlasco di Chiara Poggi ma ha disposto tre nuove perizie: sull’ora della morte della vittima, sulla ‘camminata’ di Alberto Stasi nel luogo del delitto e la mancanza di tracce di sangue sulle sue scarpe e la terza sul computer del giovane. Disposto anche un nuovo sopralluogo nella villetta di Garlasco. Grande vittoria per la difesa, che in mattinata aveva prodotto un colpo di teatro.

Il Gup di Vigevano Stefano Vitelli, oltre a disporre nuove perizie sui punti controversi dell’indagine, ha deciso di ascoltare nuovi testimoni. Tra questi, i vicini di casa, alcuni carabinieri e il perito Piero Boccardo che aveva analizzato la camminata di Alberto sul pavimento della villetta.

Il processo riprenderà il 13 maggio, data in cui presumibilmente il Gup conferirà gli incarichi ai periti che avranno poi 60 giorni di tempo per le loro conclusioni. Il 13 maggio il Gup non terrà una vera e propria udienza ma la data segnerà l’inizio della cosiddetta ‘attività peritale’. Ai periti, Stefano Vitelli, chiederà una stima del tempo necessario per effettuare i nuovi accertamenti. Le conclusioni, come da prassi, non potranno superare il termine dei 60 giorni.